Salta al contenuto principale
Tomaso Tatti, allenatore, San Teodoro
Playout per i viola di Tatti e playoff per i ragazzi di Cerbone e Marini

Ancora grande calcio in Gallura: l'Olbia salva in Lega Pro e raggiunta dall'Arzachena, ora San Teodoro e Budoni puntano al derby in serie D, il Porto Rotondo vuole l'Eccellenza

La Gallura è in grande fermento. Il mese di maggio sta proiettando la sub-regione nordorientale della Sardegna ai vertici del calcio isolano con risultati a volte anche eclatanti. Si è incominciato dalla grandissima doppia gioia del primo weekend del mese con la salvezza agguantata al foto-finish dall'Olbia: sabato 6, vincendo di misura ad Arezzo, i bianchi hanno confermato la propria presenza nella Lega Pro dell'anno prossimo con un finale di campionato strepitoso con alla guida Bernardo Mereu capace di conquistare 10 punti nelle ultime 4 giornate e raddrizzare una stagione che stava portando Cossu e compagni ai playout. Il giorno dopo, domenica 7, l'Arzachena ha compiuto la madre di tutte le imprese battendo 4-0 l'Albalonga e vincendo il campionato di serie D, la squadra di Mauro Giorico ha battuto la concorrenza di piazze blasonate come Rieti e L'Aquila e molto ambiziose come Monterosi portando gli smeraldini dove mai erano arrivati in 53 anni di storia. La Sardegna torna ad avere più di una squadra in serie C dopo sette stagione e vivrà un derby strepitoso con due realtà diverse ed importanti separate da appena 20 chilometri.

 

La metà della distanza separa San Teodoro da Budoni accomunate entrambe da una gara che domenica le vedrà di scena sul proprio campo. I viola di Tomaso Tatti (nella foto in panchina col pubblico alle sue spalle) ospitano il Muravera con l'obiettivo di conservare la serie D, la sorte di Ibba e compagni si conoscerà al termine della sfida che potrebbe prolungarsi fino ai 120' e in quel caso basterebbe anche un pareggio per la sospirata salvezza al primo anno di partecipazione alla quarta serie. I biancocelesti di Raffaele Cerbone, invece, hanno da affrontare un percorso un po' più lungo. Come primo passo, intanto, ricevono la visita della Valle del Tevere, seconda classifica nell'Eccellenza laziale girone A, nella gara d'andata del primo turno degli spareggi nazionali per approdare in serie D. Il percorso prevede un altro turno, la finale, prima di poter festeggiare il salto di categoria. Che, in caso di malaugurata eliminazione, potrebbe avvenire anche ad inizio agosto nel caso di ripescaggio, opzione che il club di Filippo Fois tiene pronta sapendo di poter contare su un grande punteggio che potrebbe premiarla nella corsa con le perdenti dei playoff. La curiosità è che un anno fa le stesse squadre affrontano percorsi inversi, il San Teodoro iniziava gli spareggi in Eccellenza e il Budoni aveva il playout col Cynthia, mentre i viola hanno superato prima il Camaiore e poi il Vigasio, i biancocelesti sono stati sconfitti dai genzanesi. Ora potrebbero ritrovarsi in serie D per uno storico derby della bassa Gallura. 

 

Scendendo di una categoria troviamo invece il Porto Rotondo che affronta la semifinale playoff di Promozione ospitando il Sorso. La vice-capolista del girone B ha il vantaggio della squadra ospitante che passa il turno in caso di pareggio nei 120'. Gli olbiesi sono una matricola che intende recuperare la massima categoria del calcio regionale che hanno conosciuto per cinque volta l'ultima delle quali ben nove anni fa. La squadra di Simone Marini ha un difficile scoglio da superare per approdare alla finalissima del 28 maggio contro la vincente di Carbonia-Guspini, l'altra semifinale che mette a confronto la seconda e terza del girone A. La Gallura è dunque in fermento da un mese.

In questo articolo
Squadre:
Campionato:
Stagione:
2016/2017
Tags:
Playoff, Playout

Archivio articoli in evidenza