Salta al contenuto principale
Ossese
Andata dei quarti, al Walter Frau ecco i molisani

Coppa Italia Dilettanti, l'Ossese inizia la doppia sfida contro il Città di Isernia

Torna la Coppa Italia Dilettanti e torna in campo anche l'Ossese che, nel secondo turno della fase nazionale, se la vedrà con Città di Isernia. Il primo round sarà mercoledì 30 al "Walter Frau" di Ossi (ore 14.30), la sfida di ritorno in Molise mercoledì prossimo 6 aprile al campo "Mario Lancellotta" di Isernia con una capienza di oltre 2000 posti e un fondo in erba naturale.

I bianconeri di Loriga sono, dunque, fra le otto formazioni che inseguono il sogno di conquistare la coccarda tricolore con in palio un posto in Serie D per la prossima stagione. Al primo turno hanno superato il Civitavecchia (Lazio) pareggiando 1-1 in trasferta (gol di Gueli) e vincendo 1-0 in casa (rete di Scognamillo). Per i biancocelesti di De Bellis, invece, la qualificazione è arrivata ai calci di rigore (8 a 7) in casa de L’Aquila 1927 (Abruzzo) che, con l'1-0 del ritorno, aveva riequilibrato quello dei molisani nella gara di andata (gol di Negro). In campionato gli avversari dell'Ossese sono appena saliti al terzo posto con 57 punti dopo aver battuto 4-1 il Campobasso 1919 nell'anticipo di sabato e superato il Campodipietra (56), ma hanno anche guadagnato due punti sulla vice capolista Olympia Agnonese (58), fermata sul pari, e mantenuto il distacco di sei lunghezze dalla vetta occupata dal Termoli (63 punti). 

Nella sfida di domani al "Walter Frau", pronto ad accogliere un folto pubblico così come per la sfida del primo turno, il Città di Isernia si presenterà con delle assenze pesanti per squalifica: il difensore Vallefuoco, il centrocampista Di Lullo e il 39enne bomber Panico (già 40 gol in campionato), oltre all'inforunato Di Lonardo (difensore). A guidare l'attacco ci sarà il secondo cannoniere della squadra, Antonio Negro (12 gol), classe 1998 lo scorso anno in serie D con la maglia del Nola e in gol contro la Torres nell'1-1 al Vanni Sanna prima di passare al Giugliano.

 

Chi approda in semifinale se la vedrà con la vincente tra Locri (Calabria) e Barletta (Puglia) ma questa doppia sfida è stata posticipata al 6 e 13 aprile causa Covid ma senza possibilità di ulteriori rinvii perché già sconfinanti con le date delle semifinali del 13 (andata) 20 aprile (ritorno). Si tratta di avversarie che stanno dominando entrambi i rispettivi campionati regionali e che quindi arriverebbero al salto di categoria non dalla Coppa.

Nella parte alta del tabellone, invece, solo Montecchio Maggiore (Veneto) e Fossombrone (Marche) sono seconde in classifica e in lotta per il primo posto distante solo tre lunghezze, e affrontano Ciliverghe Mazzano (Lombardia) e Salsomaggiore (Emilia Romagna) nelle posizioni di retrovia dei propri campionati. È importante ricordare, infatti, che per il regolamento se entrambe le finaliste hanno conquistato la promozione in campionato tramite sorteggio sarà individuata una delle semifinaliste che avrà diritto alla serie D. Infine se anche la semifinalista sorteggiata ha già conquistato la categoria superiore per il piazzamento in campionato sarà l’altra semifinalista a salire in serie D. Perciò l'Ossese, oltre a puntare al superamento del turno, dovrebbe poi vedere chi arriverà in semifinale nella parte alta del tabellone perché potrebbero aumentare le possibilità di un salto in serie D anche senza conquistare e vincere la finale.

 

IL PROGRAMMA DEI QUARTI DI FINALE (andata)

Ciliverghe Mazzano-Montecchio Maggiore

Salsomaggiore-Fossombrone

Ossese - Città di Isernia

Locri-Barletta (posticipata a mercoledì 6 aprile)

In questo articolo
Campionato:
Stagione:
2021/2022
Tags:
Coppa Italia