Salta al contenuto principale
Andrea Sanna, attaccante, Arzachena
Gli smeraldini in gran spolvero approfittano del ko del Rieti

Un'Arzachena da sballo sogna la Lega Pro, rifila 5 gol al Città di Castello e balza in vetta

Una manita per la vetta. L'Arzachena schiaccia il Città di Castello con 5 reti e approfitta del ko interno del Rieti per balzare in vetta con due punti di vantaggio sull'ex capolista e tre sul Monterosi fermato sul pari dalla Nuorese. Gli smeraldini cominciano a far sul serio e ora sognano la Lega Pro con un passo rilevante nel 2017, per di più, con la nona vittoria nelle undici partite giocate dopo il giro di boa (poi il pari al L'Aquila e il ko a Ostia) è stato superato il record di punti in serie D stabilito lo scorso anno. Contro i tifernati non c'è stata partita anche se il punteggio ha assunto proporzioni vistose nel finale con la doppietta di Aloia per le prime sue reti in maglia biancoverde. Due gol li ha segnati anche Andrea Sanna che ora tallona il capocannoniere Pippi (16 a 17) mentre Oggiano aveva aperto le marcature.

 

La gara. Giorico recupera Bonacquisti dopo la squalifica e lo sistema a centrocampo con Nuvoli poi inserisce Petrone in difesa, con Brack, Sbardella e Mithra davanti al portiere Ruzittu, e ripropone sugli esterni Mulas e Oggiano con la solita coppia d'attacco Branicki-Sanna. Fiorucci si copre mettendo Massetti in porta, Mancinelli, Boninsegni, Pucci e Cipriani in difesa, Locchi, Idromela, Broccatelli, Asante e Kobon a centrocampo, Franzese di punta. L'Arzachena gioca col vento alle spalle a subito attacca, Nuvoli ci prova su punizione ma la palla si spegne sul fondo. La gara si sblocca al 19' e nasce da un'azione caparbia di Sanna, che poi vede l'inserimento di Bonacquisti e lo serve al limite dell'area, palla a destra per Oggiano che controlla e poi fulmina Massetti con un destro in diagonale. Gli smeraldini insistono e, al 34', raddoppiano: sul traversone da sinistra di Mithra è maldestro il tentativo di rinvio di testa di Cipriani perché si trasforma in un assist perfetto per Sanna che in mezza girata insacca. Mister Fiorucci boccia il suo esterno basso e lo lascia negli spogliatoi all'intervallo, al suo posto c'è Shongo. Il Città di Castello è una squadra che non molla mai e potrebbe riaprire il match con la bella percussione palla al piede di Idromela poi conclusa con un sinistra radente, la palla incoccia il palo interno e attraversa l'area fino a quando Oggiano non libera. Scampato il pericolo la squadra di Giorico ci prova su palla inattiva, punizione da sinistra di Nuvoli e colpo di testa di Bonacquisti abbondantemente al lato. Ruzittu deve metterci una grande pezza per deviare in angolo in diagonale a colpo sicuro di Kobon liberato in area da un tocco preciso di Asante. Gli umbri non demordono. Branicki potrebbe triplicare con una giravolta in area, stoppata da un avversario, poi Sanna non riesca a chiudere il diagonale a pochi passi da Massetti. Il bomber oristanese poco dopo calcia alto sulla traversa un diagonale dopo aver rubato palla a Pucci sulla trequarti mentre non approfitta del corto retropassaggio di Boninsegni facendosi anticipare da Massetti. Ma il vice-capocannoniere non perdona al 30' quando, sulla perfetta verticalizzazione di Mulas, brucia sullo scatto tutti e batte Massetti col piatto destro. Per Sanna è il gol numero 16. Al 35' si becca la standing ovation quando lascia il posto ad Aloia, l'ex Olbia non si fa pregare e mette a segno una doppietta: al 42’ deve solo spingere in rete la palla calciata in diagonale da Capezzuto e al 47' gira bene in rete col destro l'assist volante di Aiana. Vittoria larga per un primato inatteso ma meritato. La Costa del nord-est della Sardegna è sempre più Smeralda.

 

ARZACHENA: Ruzittu, Petrone, Mithra, Bonacquisti, Brack, Sbardella, Mulas (36’ st Capezzuto), Nuvoli, Sanna (35’ st Aloia), Branicki (32’ st Aiana), Oggiano. A disp. Aramu, D’Alterio, La Rosa, Scano, Alfano, Salvini. All. Mauro Giorico

CITTÀ DI CASTELLO: Massetti, Mancinelli, Cipriani (1’ st Shongo, 28’ st La Bua), Broccatelli, Boninsegni, Pucci, Locchi, Idromela, Franzese (16’ st Macagno), Asante, Kobon. A disp. Cosimetti, D’Acunzio, Iuculano, Dida, Penna. All. Stefano Fiorucci

ARBITRO: Tremolada di Monza

RETI: 19’ pt Oggiano, 34’ pt Sanna, 30’ st Sanna, 42’ st Aloia, 47’ st Aloia

NOTE: Ammoniti: Mancinelli, Locchi. Angoli: 6-5. Recupero: 0' + 3'. Spettatori: 400 circa

In questo articolo
Squadre:
Giocatori:
Campionato:
Stagione:
2016/2017
Tags:
11 Ritorno
Girone G