Salta al contenuto principale
Umberto Festa, attaccante, Arbus
Agonismo e gioco, l'infortunio a Festa è la nota stonata

Coppa Italia, tra Carbonia e Arbus una lotta continua per zero reti e il finale acceso rovina una gara maschia ma corretta

Una bella partita maschia ma corretta, col Carbonia che ai punti meritava più dello 0-0, ma finita con una escalation di falli sempre più duri fino a quando ne ha fatto le spese l'attaccante dell'Arbus Umberto Festa trasportato in ambulanza all'Ospedale Sirai per gli accertamenti al ginocchio: dalle urla del giocatore pareva la "classica" rottura dei legamenti, poi si sospettava una frattura alla testa del femore e infine potrebbe il tutto ridursi alla rottura del menisco con interessamento del collaterale. Giocatori e panchina delle due squadre comunque scossi dopo un iniziale battibecco, con l'arbitro Mulargia a decretare la fine del match chiuso senza reti e con la qualificazione ai quarti di finale della Coppa Italia apertissima. Al netto della deriva finale, la gara è stata sempre in bilico con i minerari di Marongiu ben messi in campo, agili e puntuali nel pressing alto che ha messo in difficoltà la manovra dei granata di Agus costretti ad alzare la palla anche perché il fondo dello Zoboli aumentava le difficoltà nel fare tre passaggi di fila. Occasioni non tante ma la bilancia del gioco pende più dalla parte dei biancoblù. Per i granata un bel test sulla tempra (che non manca) e sulla capacità di adattarsi alla durezza del match. 

 

La gara. Marongiu schiera Bove in porta, Giovagnoli, Boi, Mameli e Cosa in difesa, in mediana i 2000 Biccheddu e Zucca, sulla trequarti Lintas, Foddi, Loi dietro Concas. Agus risponde con Toro tra i pali, Di Antonio, Falciani, Damiano e Floris in difesa, Picciau, Atzori, Rais e Spina a centrocampo, Flumini e Festa in attacco. La partenza è tutt'altro che sonnacchiosa, il Carbonia si distende sempre in grande velocità con Loi ma quando cerca Concas, specie con le palle alte, sono Falciani e Damiano ad avere la meglio. Viceversa Flumini cerca il gioco di sponda mentre Festa allunga la squadra con scatti continui. In mezzo al campo è battaglia con l'ex Rais che distribuisce palloni di prima per eludere il pressing dei due bravissimi classe 2000 Biccheddu e Zucca (personalità, tecnica e agonismo). Agus è attento alle difficoltà della gara, prima sposta di fascia Di Antonio mettendo l'arcigno Floris a destra sul furetto Loi e poi alla mezzora toglie il classe '98 per far entrare Mainas rivedendo così lo scacchiere: Atzori passa basso a sinistra e l'ex Guspini nell'insolito ruolo di centrale di centrocampo, soluzione poi scartata invertendo il ruolo con Picciau. Marongiu invece risponde spostando di fascia Loi e Lintas. Di occasioni limpide niente ancora perché il tiro di Cosa, sull'angolo di Lintas, è sbilenco, la punizione di Foddi si infrange sulla barriera e gli affondi di Festa vengono fermati da Boi e Mameli. Al 41' scatto di Loi a destra, cross basso sul quale si avventa Concas per il tocco sottoporta ma è decisivo il piede di Floris che devia la palla in angolo. Sugli sviluppi del quale Cosa, anima dei biancoblù insieme con Foddi e capitan Bove, si divora il gol con il colpo di testa ravvicinato (palla alta sulla traversa) ma da posizione di fuorigioco dopo la spizzata di Foddi. Al 43' Falciani reclama un tocco di mano di Cosa in area nel tentativo di pallonetto a seguito di un corner battuto da Rais. Un minuto dopo la più limpida palla del primo tempo capita nei piedi di Flumini che, liberato bene da Festa e con lo specchio di porta libero, aspetta troppo per la battuta a rete e strozza il tiro sull'arrivo di Boi, si tuffa Bove ma lascia sfilare la palla sul fondo. 

Nella ripresa la musica non cambia, l'aggressività del Carbonia irretisce l'Arbus e la sua volontà di costruire la manovra. Al 10' bel numero di Lintas che si accentra e conclude col mancino, tiro forte ma centrale e Toro blocca bene. Marongiu effettua il suo primo cambio, fuori Concas per il '98 Konaté. Al 20' Rais ci prova su punizione ma non inquadra lo specchio. Il 17enne Biccheddu si guadagna il giallo per la "stecca" su Picciau restituendo così un colpo proibito non rilevato in precedenza dall'arbitro. Floris è decisivo al 23' nel murare il tiro di Konatè liberatosi bene in area di rigore. Il nervosismo cresce a dismisura sul fallo da dietro, a centrocampo, di Falciani su Konatè, giallo per il capitano che da lì in poi verrà bersagliato dalla tifoseria di casa. Al 29' Festa fa tutto bene, dribbling insistito, poi entra in area e mette palla sul palo lungo, un pelino in ritardo Flumini tutto solo ad un metro da Bove. Marongiu toglie l'ammonito Biccheddu per Garofalo, altro interessante classe 2000. Poi avanza Cosa che è tra i più in forma. Al 37' mischia in area granata con Konatè che ha la palla giusta per il tiro all'altezza del dischetto ma Floris libera. Il nervosismo cresce al pari degli interventi ruvidi, poi per una palla non messa in fallo laterale scattano le polemiche, ne fa le spese Concas che dalla panchina è intervenuto a muso duro con Festa, ex compagno al Quartu 2000. Si entra nel recupero, al terzo dei quattro minuti di overtime, Festa riparte palla al piede e, poco prima del centrocampo, viene falciato in sandwich da Foddi e Cosa (nella foto). Urla l'attaccante granata toccandosi il ginocchio destro, subito un capannello sul giocatore che riesce a trascinarsi a bordocampo, i conseguenti battibecchi tra avversari vengono bloccati col triplice fischio dell'arbitro Mulargia e la preoccupazione per le condizioni di Festa. Pronto l'intervento dell'ambulanza e tutto si ricompone anche col bel terzo tempo finale.

 

CARBONIA: Bove, Giovagnoli, Cosa, Biccheddu (30' st Garofalo), Mameli, Boi, Loi (36' st Bove), Foddi, Zucca, Concas (16' st Konaté), Lintas (44' st Casula). Allenatore: Andrea Marongiu.

ARBUS: Toro, Di Antonio (31' pt Mainas), Falciani, Floris, Damiano, Atzori, Picciau, Spina, Flumini, Rais, Festa. Allenatore: Nicola Agus.

ARBITRO: Mulargia di Cagliari.

NOTE: Espulso al 45' st Concas dalla panchina. Ammoniti: Floris, Mameli, Biccheddu, Falciani, Foddi. 

 

In questo articolo
Giocatori:
Campionato:
Stagione:
2017/2018
Tags:
Coppa Italia ottavi

Archivio articoli in evidenza