Salta al contenuto principale
ossese eccellenza
Vittoria pesantissima per l'Ozierese sul Posada, il Calangianus non fa sconti alla Macomerese; l'Oschirese beffa il Bonorva

L'Ossese si prende l'Eccellenza grazie al 2 a 0 all'Usinese; pari tra Thiesi e Li Punti: i sassaresi chiudono al secondo posto

L'Ossese si aggiudica la vittoria del campionato con novanta minuti di anticipo: è questa, senza ombra di dubbio, la notizia principale dopo la quattordicesima giornata di ritorno, con i bianco-neri di Cantara che, dopo il tentativo andato a vuoto nella passata stagione, centrano in pieno il bersaglio e volano, passando dalla porta principale, in Eccellenza: il 2 a 0 casalingo contro l'Usinese da dunque inizio alla grande festa, ma è risultato fondamentale il pari per 1 a 1 maturato nel confronto tra Thiesi e Li Punti: i ragazzi di Salis mettono in cassaforte il secondo posto in classifica e ora si possono concentrare per la sfida contro il Carbonia, valida per il primo turno dei play-off. Quasi tutto scritto anche in ottica salvezza, con Borore e Dorgalese già retrocesse in Prima e Posada, Ozierese e Macomerese che sgomiteranno per aggiudicarsi l'ultimo posto disponibile per la permanenza in Promozione senza passare dallo spareggio play-out.

Applausi a scena aperta dunque, da parte dei diretti avversari e di tutti gli addetti ai lavori, per l'Ossese capolista che chiude la corsa all'Eccellenza al primo posto grazie al secco 2 a 0 casalingo rifilato all'Usinese, ma la partita non è stata per nulla semplice, anzi, per buona parte del primo tempo gli ospiti hanno tenuto brillantemente il campo, per poi arrendersi alla distanza, con le motivazioni tra le due compagini che hanno fatto la differenza. La sfida si apre con il botta e risposta tra Dettori, Mariano controlla bene il colpo di testa dell'avversario, e Kamara, Moroni blocca senza affanni. La partita si mantiene viva: Dettori non inquadra il bersaglio grosso con una conclusione dalla distanza, poi sull'altro fronte serve una prodezza di Moroni che si salva anche grazie all'aiuto del palo sulla staffilata di Bonetto. Alla mezz'ora però, il punteggio si sblocca: ci pensa Fantasia, sugli sviluppi di un calcio d'angolo, a mettere la sfera alle spalle di Mariano. Poco prima del riposo arriva anche il raddoppio firmato da Virdis. Nella ripresa l'Ossese gestisce benissimo la situazione e al triplice fischio scoppia la meritatissima festa per un traguardo prestigiosissimo.
Al secondo posto il Li Punti, che esce indenne dal confronto d'altissima quota contro il Thiesi di mister Rassu: tra le due compagini rimane un divario di quattro lunghezze. I nero-verdi dovevano vincere per forza per alimentare ulteriormente le proprie speranze di agganciare e superare i sassaresi, ma Usai e soci hanno fornito l'ennesima grande prestazione, soprattutto sul piano del carattere e della compattezza e alla fine mettono le mani su un punticino d'oro che chiude definitivamente il discorso play-off. Eppure a partire fortissimo sono stati proprio i ragazzi di Rassu, che passano in vantaggio dopo appena 10' con il bel gol di Madeddu. Grande il rammarico per il rigore fallito da Nuvoli al 24', da applausi però la prestazione del portiere ospite Cherchi, tra i migliori in campo. Il Thiesi cerca a più riprese il punto del raddoppio ma si deve contemporaneamente difendere dai guizzi in avanti dei sassaresi, pericolosissimi con Dedola. Nella ripresa ancora padroni di casa molto propositivi, con Sechi che però non riesce a beffare il portiere avversario. A dieci minuti dal triplice fischio Usai riporta tutto in equilibrio trasformando con grande freddezza un calcio di rigore, con Cacace che viene espulso per proteste. Allo scadere il Li Punti sfiora il colpo grosso con Marielli, ma il punteggio non cambierà più.

Vince anche il Valledoria, che dopo la conquista della Coppa Italia rifila un secco 2 a 1 a domicilio ai danni del Porto Torres, al termine di una gara ricchissima di colpi di scena: vantaggio degli ospiti al 20' con Chiaramonti, ma Serra impatta dagli undici metri dopo appena cinque minuti. Tutto bloccato sino al 90', quando Palmisano trova il varco giusto per superare Sotgiu e regalare a mister Falchi la sedicesima vittoria in campionato.
Il Calangianus invece non fa sconti e conferma di voler onorare il campionato sino all'ultimo: il 4 a 1 casalingo maturato nel confronto interno con la Macomerese la dice lunga in questo senso, con i bianco-celesti di Mura chiamati a vincere l'ultima sfida per evitare i play-out. Sugli scudi Ferreira che griffa il primo tempo con una doppietta, entrambe le reti arrivano direttamente dagli undici metri; nella ripresa il copione non cambia, con Ferreira ancora a segno per la sua personalissima tripletta. Completa il quadro il gol di Bazzoni. Punto della bandiera per gli ospiti di Colombo.
Si chiude in parità, per 1 a 1, il match tra Dorgalese e Ilvamaddalena: Fancello porta i locali in avanti al 23', a metà ripresa arriva il gol di De Santis, con un preciso colpo di testa, che rimette tutto in equilibrio.
Colpo esterno per l'Oschirese, che si aggiudica di misura, per 2 a 1, il confronto con il Bonorva: succede tutto nella ripresa, con il vantaggio degli ospiti che arriva grazie ad un calcio di rigore trasformato da Canu tra le pesanti contestazioni dei bianco-rossi, il raddoppio arriva poco dopo con Santona. Il Bonorva, ridotto nel frattempo in dieci per l'espulsione rimediata da Manfredi, si butta a caccia del gol per riaprire il discorso, ma Solinas accorcia soltanto alla mezz'ora, con un bel tocco sotto misura. Asara e soci tengono duro e portano a casa i punti necessari per la salvezza matematica.
Termina con il punteggio di 2 a 2 l'anticipo del sabato tra Borore e Fonni: vantaggio di Puddu, per gli ospiti, in avvio, ma nella ripresa i padroni di casa ribaltano tutto con Tola e Patta. In pieno tempo di recupero però Cadau acciuffa gli avversari.
Tre punti più pesanti del piombo per l'Ozierese che in casa batte il Posada nello spareggio anticipato per i play-out con i ragazzi di Nieddu che scavalcano così in classifica proprio gli avversari diretti e volano a quota 31, con due lunghezze di vantaggio. Primo brivido del match alla mezz'ora, quando Demontis chiama alla prodezza, direttamente su calcio di punizione, il portiere ospite Deledda; i padroni di casa potrebbero sbloccare il punteggio al 40' ma Apeddu colpisce una clamorosa traversa dagli undici metri, con Oliva che imita il compagno sulla successiva ribattuta. Nella ripresa Ozierese pericolosissima con Manchia e Apeddu, decisivo Deledda nella circostanza; a sfondare per primo è il Posada, in gol con Colanardi ma Bellu impatta due minuti più tardi. Il punto del definitivo sorpasso arriva a cinque dallo scadere, con Mannu che insacca da pochi passi su una corta respinta della difesa avversaria.

In questo articolo
Campionato:
Stagione:
2018/2019
Tags:
Promozione
Girone B