Salta al contenuto principale
Nicola Manunza, allenatore, Monastir
«Aver battuto un Arbus forte ci dà forza»

Il Monasitr in forte ascesa, Manunza: «Un mese fa ultimi e ora ottavi. Col Budoni sarà tosta»

Con tre vittorie nelle ultime quattro partite il Monastir si erge a squadra tra le più in forma del campionato, dopo il terzetto di testa che sta avendo un ritmo incredibile dall'inizio della stagione. L'1-0 nel recupero contro l'Arbus, unito al 3-2 all'Ossese, hanno fatto fare un balzo importante ai biancocelesti di Nicola Manunza: «Un mese fa avevamo un punto in classifica, ultimi, adesso siamo ottavi; per il poco valore che può avere la classifica è comunque ottima. Mentalmente i ragazzi hanno capito cosa devono fare, si può sbagliare e perdere, come con la Nuorese, ma facendo la prestazione, quella che poi ti porta a vincere. Contro l'Arbus abbiamo fatto un'ottima partita, concedendo pochissimo e creando molto; dopo il gol potevamo raddoppiare con il palo di Fangwa e avendo altre due/tre occasioni. La vittoria è importantissima, per il valore dell'avversario che arrivava da quattro vittorie di fila senza subire gol da tre, con giocatori importanti come Cardoso, Kamana, Salazar, Sylla, un bravo a Falco per aver creato un gran gruppo, questo dà maggiore forza al nostro successo». 

 

Il Monastir troverà un Budoni con Cerbone in panchina e molto rinforzato: «Sarà una gara tostissima, contro giocatori nuovi e difficile da preparare per i pochi riferimenti. Di certo c'è che d'ora in poi saranno una delle più forti del campionato». Da calciatore Manunza ha vestito la maglia del Budoni per due anni: «Sono stato benissimo e ho avuto anche la fortuna di giocare un anno con Cerbone. Ho grandissima stima della famiglia Sanna, che ha ripreso il club, persone eccezionali. Torno molto volentieri ma sapendo che sul campo sarà molto dura». Sul terzetto di testa: «Il Sant'Elena è la sorpresa maggiore, stanno facendo benissimo e faccio i complimenti a Cristian Dessì che ha creato un grandissimo gruppo. Il Taloro e la Ferrini hanno più certezze, arrivano da stessi gruppi col medesimo allenatore. Queste tre squadre hanno creato una frattura che non so se potrà essere colmata, manca tanto ma non vedo chi possa fare un gran filotto per potersi agganciare a loro».

In questo articolo
Allenatori:
Campionato:
Stagione:
2021/2022
Tags:
9ª giornata