Salta al contenuto principale
Il San Teodoro irrompe sul mercato, presi il regista Alessandro Steri, il jolly Jacopo Malesa e l'attaccante Samuele Spano, confermata l'ossatura della squadra che ha ottenuto la promozione
Restano Varrucciu-Farina, Ibba-Del Soldato e Raimo

Il San Teodoro irrompe sul mercato, presi il regista Alessandro Steri, il jolly Jacopo Malesa e l'attaccante Samuele Spano, confermata l'ossatura della squadra che ha ottenuto la promozione

Il San Teodoro irrompe sul mercato dopo settimane di attesa. La matricola assoluta della serie D si è prima concentrata sul riassetto societario che ha visto la nomina di Salvatore Bacciu nuovo presidente del club al posto di Domenico Fideli, poi si è dedicata alla costruzione della squadra che sarà guidata dal riconfermato mister della promozione Tomaso Tatti e qui c'è il terreno giusto per il team manager Edoardo Oggiano impegnatissimo sul mercato per chiudere alcuni colpi davvero importanti. 

Alessandro Steri e Jacopo Malesa passano al San TeodoroIl primo in assoluto è quello di Alessandro Steri (1985), reduce da due stagioni da protagonista con la maglia dell'Olbia. Il 31enne regista di San Gavino prenderà in mano il centrocampo viola dall'alto di una esperienza in categoria maturata fin dagli esordi come fuoriquota con l'Atletico Elmas di Virgilio Perra nel 2001-02 prima del triennio con la Nuorese di Goveani presidente e dei tecnici Perra e Petrone per il doppio salto dall'Eccellenza alla serie C2. Nel 2008-09 l'approdo alla Villacidrese con la vittoria del campionato di serie D e altri due anni di professionismo. Nel 2011-12 l'esperienza all'Arzachena che al livello personale resterà da record per le 10 marcature. Il tecnico era Virgilio Perra, l'anno seguente al Budoni con Cerbone con la salvezza ai playout ai danni degli smeraldini. Negli ultimi due campionati, come ricordato, è stato all'Olbia guidato prima da Scotto, poi da Biagioni (per un anno a cavallo delle due stagioni) e nel girone di ritorno dell'ultimo da Mignani ritagliandosi sempre il suo spazio nonostante una folta concorrenza (Geroni, Piredda e Gallo) e un infortunio. Sempre dall'Olbia arriva il secondo rinforzo, si tratta di Jacopo Malesa, difensore-centrocampista classe 1993 prodotto del vivaio dei bianchi coi quali ha vinto il campionato di Eccellenza (2012-13) e poi il primo anno in serie D da titolare. Chiusa l'era da fuoriquota e per colpa di un infortunio due stagioni fa gioca appena 9 volte, l'estate scorsa la decisione di passare alla Voluntas Spoleto e nel mercato di dicembre il ritorno in maglia bianca per essere utile alla causa della squadra di Mignani. A Muravera si toglie pure la soddisfazione del primo gol in serie D con la rete decisiva del 2-1. Non meno importante l'acquisto di Samuele Spano, attaccante esterno classe 1994, reduce da una brillante stagione con il Calangianus conclusa con 12 reti e che va a colmare il vuoto lasciato da Cristian Sias, passato al Castiadas. Mister Tatti si ritrova un giocatore dal dribbling facile, veloce, col fiuto del gol e che, nonostante abbia 22 anni e arrivi da una categoria inferiore, conosce perfettamente la serie D avendola fatta per quattro stagioni all'Arzachena quando lo fece esordire l'allora allenatore degli smeraldini Virgilio Perra. Tre anni fa la miglior stagione al livello realizzato con 9 marcature, 7 delle quali nella prima parte della stagione quando balzò addirittura in vetta alla classifica marcatori. A fine campionato la chiamata de L'Aquila per un contratto nei professionisti, occasione poi sfumata col rientro in Gallura attirato dal fatto che l'Arzachena veniva ripescata in serie D. Con Spano i teodorini si assicurano accelerazioni, giocate di classe e gol.

 

I tre nuovi acquisti vanno ad incastrarsi con le conferme di molti dei pilastri della scorsa stagione, partita all'ultimo momento ad inizio agosto e chiusa con l'incredibile salto di categoria nelle finali playoff contro Camaiore e Vigasio. Resta il bomber Christian Ibba (1983), 24 gol in campionato, inseguito con insistenza da Castiadas e Orrolese e nell'ultima settimana anche dalla Nuorese. C'è anche l'italo-brasiliano Leo Del Soldato (1989), efficacissimo nel ricoprire più ruoli dalla seconda punta, al trequartista e perfino centrocampista centrale. In difesa resta il blocco dei centrali con Simone Varrucciu(1992) e Alessandro Farina (1979) che fondono freschezza con esperienza, cattiveria e solidità. A sinistra può sfrecciare sempre Nicola Raimo (1994) che recupera coi viola una categoria fatta per 5 stagioni col Budoni. Tutto da valutare il discorso dei fuoriquota ma non poteva scappar via Giuseppe Cocco (1996), esterno d'attacco autentica rivelazione della passata stagione con 16 gol in campionato e 2 nelle finali playoff.

In questo articolo
Squadre:
Giocatori:
Allenatori:
Campionato:
Stagione:
2015/2016
Tags:
Sardegna
Girone G