Salta al contenuto principale
Federico Boi, Castiadas, Fabiano Todde, Muravera
Tonara e Ghilarza vincenti, Valledoria raggiunto dal Taloro

Impresa dell'Orrolese con lo Stintino, anche il Sorso frena e il Castiadas ne approfitta, Torres e Atletico Uri agganciano il Muravera

Nella giornata in cui le prime tre in classifica segnano un solo gol in tre gare gode solo il Castiadas che fa suo il derby del Sarrabus col Muravera, scavalca il Sorso, fermato dalla Ferrini, e si avvicina ad un punto dallo Stintino, che non riesce a prevalere sul fanalino di coda Orrolese. Si avvantaggiano la Torres e l'Atletico Uri che risolvono le proprie gare contro Guspini e Samassi nei minuti conclusivi: i rossoblù di Tortora grazie ad un diagonale del classe 2000 Bianco mentre i giallorossi di Salaris per merito di Matteo Tedde e del rigore di Piras. Entrambe agganciano il Muravera al quarto posto. Si affaccia ai piani alti il Tonara che non sbaglia uno scontro diretto e batte in rimonta il Calangianus, torna al successo il Ghilarza e lo fa a spese del Monastir mentre il Taloro agguanta il pari nel finale a Valledoria.

 

ORROLESE-STINTINO 0-0

Nel turno in cui Doukar non segna lo Stintino non vince, il bomber senegalese manca l'appuntamento col gol per l'11esima volta di fila perché si fa parare un calcio di rigore da Accinelli e permette all'Orrolese di compiere la propria impresa. Ma la squadra di Udassi ha anche rischiato di andare in testa-coda con Secchi impegnato a più riprese da Moi, Vitellaro e Mura e sarcidanesi vicini al gol anche con Medda e Podda. Ma così come ha rischiato di perdere, la capolista poteva vincere sia quando Doukar ha impegnato Accinelli nel primo tempo e, soprattutto, quando Cardone a 5' dal termine è stato fermato dal portiere argentino. La matricola della Nurra conserva la vetta, i sarcidanesi di Zottoli restano all'ultimo posto ma muovono la classifica confermando il buon momento sul piano del gioco, già visto nelle gare contro Sorso, Castiadas e Ghilarza, battuto nella precedente uscita casalinga.

 

CASTIADAS-MURAVERA 1-0

È stato il derby della rivincita e dell'avvicinamento alla vetta del Castiadas che si è rifatto dell'eliminazione dalla Coppa Italia battendo di misura il Muravera grazie al gol dell'ex meno atteso dell'incontro: Simone Contu, mezza stagione in serie D coi gialloblù, entrato in campo da una decina di minuti e decisivo con un sinistro improvviso da posizione defilata che ha sorpreso Pioli sul suo palo a 9' dal termine. Per i biancoverdi sono tre punti importantissimi che consentono di riscavalcare il Sorso al secondo posto e portarsi ad un punto dalla capolista Stintino. La squadra di Pinna ha la seconda miglior difesa ed è l'unica imbattuta del campionato. I gialloblù di Oliveira fermano la striscia positiva a sei risultati utili di fila e hanno confermato di essere una grande squadra ma con pochi ricambi, provando a vincere nel primo tempo con l'occasione di Marco Boi e tiri di Legname e Onano. Hanno ceduto sulla distrazione di Pioli che era stato sempre reattivo nei tiri di D'Agostino e Porru nei primi 45' e sul colpo di testa a botta sicura di Federico Boi poco prima del gol-partita. 

 

FERRINI CAGLIARI-SORSO 0-0

Il Sorso non perde il filo del gioco ma smarrisce quello che porta al gol, contro una Ferrini bene ancorata in difesa (Piselli, Bonu e Mancusi con gli esterni Nicola Argiolas e Garau) la squadra romangina fa vedere un buon fraseggio ma senza pungere a dovere sia con Pulina su punizione (Tronci è pronto) che con Falchi quando prova ad approfittare dell'unica distrazione dei cagliaritani nel primo tempo mandando la palla alta sulla traversa appena giunto di fronte a Tronci. I cagliaritani non hanno concesso grandi spazi, ci hanno provato nei primi minuti con Cuccu impegnando Cherchi e poi su punizione con Fabio Argiolas. Nella ripresa mister Scotto prova la carta Chelo e non riesce a monetizzare l'uomo in più negli ultimi 20' quando viene espulso Sigismondo. Buon punto per i ragazzi di Giordano nella strada verso la salvezza e seconda trasferta senza reti per i biancocelesti dopo il ko di Gavoi.

 

ATLETICO URI-SAMASSI 2-1

Il solito irriducibile Atletico Uri, che non molla mai e porta a casa risultati importanti nei minuti conclusivi. Contro il Samassi la squadra di Salaris ha premuto per tutto il primo tempo alla ricerca del gol, trovando spesso l'opposizione dell'ottimo Manis sui tentativi di Mura, Luca Tedde e Fadda. Nella ripresa entra anche Puddu a dar manforte agli attacchi giallorossi, ma il funambolo Nurchi gela tutti segnando in contropiede alla mezzora. Minuti finali concitati con l'ingresso di Dalerci per Pireddu, il nuovo entrato avvia l'azione portata avanti da Piras per Luca Tedde e rifinita da Matteo Tedde per la rete del pari. Si entra nel recupero e Puledda guadagna il rigore che Alessandro Piras trasforma battendo Manis, ex compagno all'Olbia. Il Samassi continua a stare al limite della zona playout e con l'arrivo di dicembre potrebbe cambiare pelle. L'Uri ora ha lo scontro diretto con la Torres per stabilire chi dovrà lanciarsi all'inseguimento del terzetto di testa.

 

GUSPINI TERRALBA-TORRES 0-1

Un perfetto diagonale dal limite dell'area del "millenial" Francesco Bianco regala il quarto successo di fila alla Torres che ha dovuto sudare parecchio per venire a capo di un match difficile contro l'ordinato e sfortunato Guspini. La gara è equilibrata, i mediocampidanesi valgono più dell'attuale classifica e creano scompiglio dalle parti di Pinna con Marci (tiro respinto), poi risponde Piga (tiro a fil di palo). Nella ripresa i padroni di casa sfiorano il vantaggio con il colpo di testa di Ezeadi fuori di poco, Fideli pareggia il conto delle occasioni impegnando Pisano con un fendente da fuori area. E se Epis calcia alto sulla traversa al termine di una azione insistita dei gialli di Spini, ad 1' dal termine non sbaglia il 17enne mandato in campo da Tortora che azzecca il diagonale dai sedici metri mandando in visibilio gli oltre 400 tifosi giunti da Sassari. Le prossime due gare della Torres (Uri e Castiadas) saranno decisive per l'ingresso nelle zone altissime.

 

TONARA-CALANGIANUS 2-1

Il Tonara non fallisce l'appuntamento con la vittoria e vince il quinto scontro diretto nelle ultime sei giornate. Questa volta al "Su Nuratze" cade il Calangianus illuso dal gol di Cristian Loddo alla mezzora. I barbaricini svoltano nella ripresa, sale in cattedra Cristian Sanna che con estro e qualità determina prima il pareggio di Littarru dopo una cavalcata in fascia e poi firma il sorpasso 4' dopo con un gran tiro con la palla che sbatte sul palo e si insacca. Dopo che Forzati neutralizza la conclusione di Antonio Loddo, capitan Pili sfiora il tris con un gran tiro, la palla si stampa sulla traversa. La squadra di Prastaro ora si testerà in casa della capolista Stintino prima del ritorno della gara di Coppa Italia contro il Muravera che potrebbe dare la finalissima ai rossoneri. I giallorossi di Addis non vincono da 7 giornate (3 pareggi) e all'orizzonte spunta la difficile sfida contro l'imbattuto Castiadas. 

 

VALLEDORIA-TALORO GAVOI 2-2

Un primo obiettivo il Valledoria l'ha raggiunto, cioè arrestare la striscia di sei sconfitte di fila anche se vede sfumare una vittoria a 4' dal termine quando il Taloro trova il gol del pari con Cissè, il colored classe 2000 stupefacente con 8 gol all'attivo. I gavoesi hanno sfruttato l'uomo in più negli ultimi 20' dopo l'espulsione di Secchi agguantando gli avversari che avevano chiuso il primo tempo in vantaggio. La gara aveva avuto un inizio scoppiettante con la bella rete dei barbaricini di Manca (palla sotto l'incrocio dei pali) dopo 2', la risposta dei doriani è immediata e porta la firma di Sias (8'), prima del riposo anglonesi avanti con Seu su assist di Serra. Nella ripresa l'inseguimento al pareggio dei ragazzi di Marchi poi premiati nel finale. 

 

GHILARZA-MONASTIR 2-1

La scoppola di una settimana fa è stata pienamente assorbita dal Ghilarza che cancella lo 0-4 contro il Tonara superando di misura il Monastir. Fanno tutto Tronu e Stocchino con il primo che insacca i due assist del compagno a metà primo tempo e ad inizio ripresa. La reazione della Kosmoto c'è, Fadda manda sulla traversa il tiro di Lai e nulla può su Suella dopo la mezz'ora, quando la squadra di Cordeddu stava già affrontando gli ultimi 20' di gara con l'uomo in meno per l'espulsione di Falchi. Per i ragazzi di Mura una vittoria pesantissima che porta i giallorossi fuori dalla zona playout e rimanda Zanda e compagni al riscatto nella sfida contro l'Orrolese.

In questo articolo
Squadre:
Campionato:
Stagione:
2017/2018
Tags:
11 Andata

Archivio articoli in evidenza