Salta al contenuto principale
Gianluca Podda, attaccante, Ferrini
«Siamo partiti bene, l'Eccellenza è la nostra dimensione»

La Ferrini incassa il ko, Podda: «Lo Stintino bravo e spietato a sfruttare i nostri errori, col Monastir è uno scontro diretto per la salvezza»

Anche la Ferrini Cagliari non riesce a fermare la capolista Stintino, dopo due vittoria di fila la squadra di Franco Giordano cade di schianto tra le mura amiche subendo la prima sconfitta interna della stagione. I cagliaritani sapevano la forza dei ragazzi di Udassi e avevano studiato le contromisure come conferma Gianluca Podda, attaccante classe 1996 cannoniere della squadra con 4 reti all'attivo: «Per questa partita siamo arrivati pronti, sapevamo che di fronte avevamo una grande squadra e molto ben organizzata, quindi avevamo preparato il tutto nei minimi dettagli. Purtroppo, nel primo tempo, ci sono stati degli episodi sfavorevoli che hanno permesso a loro di chiudere la prima frazione con tre reti di vantaggio. A fare la differenza, a mio avviso, è stata la loro freddezza sottoporta, sono stati cinici, bravi e spietati a sfruttare i nostri errori». La partita di Podda è durata solo un tempo e l'attaccante cagliaritano ne spiega la motivazione del cambio con l'argentino Virgili: «È stata una scelta tecnica, al mio posto è entrato Martin per fare il vertice basso di centrocampo, in quella zona ci serviva mantenere, e anche il più lungo possibile, il possesso palla. Ho potuto assistere solo agli ultimi venti minuti della seconda frazione, frangente, in cui è arrivato il rigore trasformato da Doukar che ha chiuso definitivamente le ostilità».

Dopo cinque giornate, la classifica della Ferrini Cagliari dice sette punti, con due vittorie, un pareggio e due sconfitte. «Abbiamo avuto un inizio di campionato piuttosto positivo – dice Podda – certo, con un po' più di attenzione potevamo portare a casa qualche punto in più, ma va bene cosi. Stiamo iniziando ad ingranare sia sul piano del gioco che sull'aspetto fisico e mentale. Dobbiamo proseguire su questa lunghezza d'onda». L'obiettivo stagionale è già tracciato: «Per prima cosa dobbiamo racimolare più punti possibili per raggiungere la salvezza, poi se dovesse arrivare l'opportunità di pensare in grande non staremo lì a lasciarcela scappare, perché tutto è ben accetto. Però bisogna essere anche realisti, siamo una squadra giovane e la nostra dimensione è quella di mantenere la categoria dell'Eccellenza in maniera più che dignitosa».

Il pesante capitombolo con lo Stintino è già un ricordo. In casa della Ferrini Cagliari è tempo di pensare ai prossimi impegni: prima c'è la trasferta in campionato a Monastir e tre giorni dopo la gara di ritorno dei quarti di finale di Coppa Italia contro il Muravera: «La Kosmoto è una squadra che conosciamo abbastanza bene e rispettiamo molto. Nel corso di questi anni l'abbiamo affrontata diverse volte, anche da poco, lo scorso settembre quando li abbiamo eliminati al primo turno di Coppa, grazie a una gara di ritorno giocata con un grande carattere. Domenica scenderemo in campo con la massima concentrazione e cercheremo di conquistare i tre punti, che potranno essere una chiave fondamentale, per la conquista della salvezza diretta. Col Muravera, invece, è stato importante segnare un gol fuori casa. Abbiamo buone possibilità di passare il turno e accedere alle semifinali». Andrea Benenati

In questo articolo
Squadre:
Giocatori:
Campionato:
Stagione:
2017/2018
Tags:
5 Andata

Archivio articoli in evidenza