Salta al contenuto principale
Menio Fiorini, presidente, Arzachena
La Finworld era nell'albo unico al 30 giugno ma il club è pronto a produrre altra polizza

Caos fideiussioni, l'Arzachena è serena: «Agito nel rispetto delle norme, iscrizione regolare col benestare della Covisoc»

Si è parlato di uno scandalo in serie C e della bufera che avrebbe coinvolto dieci club per la presentazione - all'atto dell'iscrizione - di una fideiussione da invalidare e in un caso falsa (Triestina). In questa lista è stata inserita l'Arzachena che, insieme alle altre società coinvolte, ha poi precisato la propria posizione attraverso un comunicato ufficiale (vedi sotto). I fatti sono che i dieci club in questione hanno presentato entro il 30 giugno la fideiussione di 300mila euro garantita da una società di intermediazione finanziaria, la Finworld Spa, a cui la Banca d’Italia ha negato l’iscrizione all’albo unico in base alla pronuncia del Consiglio di Stato dell'11 luglio. In questo caso la FIGC avrebbe intrapreso degli approfondimenti con l’ente di vigilanza al fine di conoscere gli effetti retroattivi affinché la fideiussione presentata dai 10 club possa essere invalidata. L'allarme è stato alimentato anche dalla intervista rilasciata al quotidiano la "Repubblica" da Gabriele Gravina, presidente della Lega Pro, il quale ha affermato che questi club «devono mettersi in regola. Rischiano 300.000 euro di ammenda, equivalente della fideiussione, e una penalizzazione in classifica».

 

C'è da dire che il 12 luglio ciascuna delle domande d'iscrizione delle dieci società in questione è stata sottoposta al vaglio della Co.Vi.Soc che, esaminata la documentazione prodotta, ha comunicato l'esito per il rilascio della Licenza Nazionale ai fini dell'ammissione al campionato di serie C. E, per l'Arzachena, ha riscontrato il rispetto dei criteri legali ed economico-finanziari. Un esito positivo perché, alla data del 30 giugno, il soggetto che ha emesso la fideiussione presentata dal club di Menio Fiorini (nella foto) risultava regolarmente iscritto all’albo di competenza ed operava con piena legittimità. Se la Figc dovesse procedere per l'invalidazione della polizza fideiussoria adducendo agli effetti retroattivi al massimo l'Arzachena e le altre società che si sono rivolte alla Finworld Spa dovrebbero solamente produrre un'altra da un altro soggetto iscritto all’albo unico dalla Banca d'Italia.

 

 

IL COMUNICATO UFFICIALE DELL'ARZACHENA

In riferimento alle notizie apparse sui media relativamente ad un’ipotesi connessa a presunte irregolarità inerenti alle Fidejussioni propedeutiche all’iscrizione al campionato Lega Pro FIGC 2018/2019, l’Arzachena Costa Smeralda Calcio intende precisare di aver effettuato tutti i preventivi controlli necessari, nei limiti della prassi e delle proprie possibilità, preventivamente all’acquisto della Polizza Fidejussoria in questione e di essere certa di aver agito in assoluta buona fede e nel totale rispetto di quanto previsto in ottemperanza dei regolamenti vigenti.

In ogni caso, l’Arzachena Costa Smeralda Calcio, alla luce dell’informativa giunta a firma della Presidenza della Lega Pro, in data 13 luglio 2018, si è immediatamente attivata nei confronti del Broker Assicurativo e dell’Intermediario Finanziario in questione al fine di richiedere tutti quei chiarimenti, garanzie, assicurazioni necessarie che comprovino l’effettiva efficacia della Polizza in oggetto che ha fatto parte di quella documentazione fornita agli uffici competenti Lega Pro e che ha portato alla regolare iscrizione e benestare COVISOC.

Allo stesso tempo, l’Arzachena Costa Smeralda Calcio si è riservata eventuali necessarie azioni legali a propria tutela nei confronti di chi possa aver posto in essere azioni illegittime e comportamenti irregolari che sono e restano, comunque, estranei all’Arzachena Costa Smeralda Calcio medesima, che si tutelerà nelle sedi che si riterranno più opportune, ove servisse.

L’Arzachena Costa Smeralda Calcio, posto in essere quanto sopradescritto, attenderà serenamente comunicazione ufficiale della Lega Pro che comprovi formalmente la “non validità” di dette garanzie, come scritto nel comunicato del Presidente del 13 luglio 2018, e successivamente, nei termini e con le modalità che verranno poi indicate, avrà cura di porsi nell’efficacia regolamentare e normativa come da essa Società è stato sempre fatto in ottemperanza al disposto della Federazione.

In questo articolo
Squadre:
Campionato:
Stagione:
2018/2019