Salta al contenuto principale
Nicola Manunza, allenatore, Monastir
Lai: «Col Porto Rotondo a viso aperto»

Il Monastir ferma anche il Castiadas, Manunza: «Prestazione superlativa, un punto d'oro contro una grande squadra»

Il Monastir si conferma a proprio agio con le grandi del campionato. Dopo aver fermato il Carbonia all'andata, battuta l'Atletico Uri e Nuorese (ma anche la Ferrini quand'era quinta), domenica ha inchiodato il Castiadas sul 2-2 (doppietta di Lai) al termine di una prestazione attenta, sagace e gagliarda. Soddisfatto il tecnico Nicola Manunza: «Avrei messo la firma per pareggiare, il Castiadas si è dimostrata una squadra forte tecnicamente e atleticamente, per noi è un punto d'oro. Al netto dei due eurogol di Nicola Lai che hanno determinato il 2-2, la prestazione dei ragazzi è stata superlativa, abbiamo sofferto specie nella ripresa perché il Castiadas era costretto a vincere e portava molti uomini in avanti ma in ripartenza siamo stati pericolosi anche se meno precisi nella scelta del passaggio finale». 

I campidanesi vedono la salvezza più vicina: «I punti fatti con Uri, Nuorese e Castiadas li considero bonus, senza quei 7 punti ora la classifica sarebbe stata critica. Da questo momento in poi le avversarie si affrontano per cercare di tirar fuori qualcosa, non possiamo pensare di fare punti solo negli scontri diretti. Ora abbiamo Porto Rotondo fuori, Ghilarza in casa e La Palma fuori, in queste tra gare l'obiettivo sarà fare parte di quei 7 punti che mancano alla salvezza considerato che dobbiamo giocare ancora con Ossese e Carbonia. Non sarà facile ma le prestazioni del 2020 fanno pensare che ce la giocheremo con tutti». (nella foto l'abbraccio di mister Manunza a Nicola Lai)

 

Per il centrocampista Nicola Lai una doppietta di prestigio: «Per me due gol importanti, era da tanto che non arrivavano. Dei due scelgo il primo perché mi mancava segnare direttamente da calcio d'angolo; sulla punizione, invece, ho tirato più forte possibile avendo visto il portiere un po' fuori ed è andata bene. Il pareggio è importante quanto la prestazione, il Castiadas è la più forte del campionato come il Carbonia, ora sono a -6 ma il campionato non è chiuso. Faccio i complimenti ai sarrabesi perché hanno giocatori di categoria superiore, perciò è un gran punto anche se poi bisogna farli contro tutti». La prossima gara è sul campo del Porto Rotondo: «Anche se sono penultimi per noi sarà difficilissimo, è uno scontro diretto e in casa vorranno vincere ma noi ce la giocheremo a viso aperto».

In questo articolo
Giocatori:
Allenatori:
Campionato:
Stagione:
2019/2020
Tags:
23ª giornata