Salta al contenuto principale
Antonio Mesina, Nicola Manca, Castiadas
Cardella su rigore aveva pareggiato la punizione di Nicola Manca

Incornata di Mesina e il Castiadas manda al tappeto il Ladispoli, colpaccio dei sarrabesi

Vincere in trasferta in serie D non è mai facile, farlo in casa di una diretta concorrente per la salvezza lo è ancor di più ed è per questo che il Castiadas sa bene che il 2-1 a Ladispoli vale doppio anche perché nell'ultimo turno non ha giocato per l'alluvione che ha fatto slittare la gara col Latina a fine novembre e aveva estrema necessità di muovere la classifica in vista della sfida interna di mercoledì contro l'Albalonga. Una splendida punizione di Nicola Manca e un colpo di testa di Mesina portano il primo successo esterno ai sarrabesi ora fuori dalla zona calda e con una gara in meno rispetto alle rivali. Per il tecnico Massimiliano Paba si tratta del quinto risultato utile di fila, scalato a quattro perché il Giudice Sportivo ha tramutato il pareggio col Trastevere in sconfitta a tavolino per il caso Idrissi. Otto punti in quattro gare sono un'ottima media in vista di un altro trittico di gare (Albalonga e Anagni in casa e Anzio fuori) che può consolidare la classifica prima del tour de force con squadre meglio posizionate in classifica di Carrus e compagni

 

La gara. Bosco schiera Alessio Salvato in porta, Gianluigi Salvato, Gallitano, Leone e Mastrodonato in difesa; De Fato, Tollardo e Manuele Sganga, Bertino e La Rosa in appoggio a Cardella in attacco. Paba risponde con Monni tra i pali Alessandro Pinna, Luigi Pinna, Boi e Nicola Manca in difesa, a centrocampo Tiraferri, Carboni, Steri, Carrus e  Daniel Manca, in avanti Mesina. Match aperto sin dalle prime battute con i padroni di casa a provarci con il colpo di testa di La Rosa, su assist di Cardella, con palla che scheggia la parte alta della traversa e i sarrabesi a rispondere con Carrus che scalda i guantoni di Salvato. Il Castiadas controlla e crea situazioni pericolose con Mesina e, soprattutto, Daniel Manca che ci prova con un destro debole e facile preda di Salvato e con un pallonetto che si spegne sull'esterno della rete. Al 30' il Ladispoli ci prova con Gallitano che chiede l'uno-due a Cardella e scaglia un violento tiro ma non centra lo specchio di porta. La gara viene sbloccata al 38' dalla perla di Nicola Manca che pennella un sinistro a giro su calcio piazzato dal limite dell'area infilando la porta rossoblù con una palla sotto l'incrocio alla sinistra di Salvato. Il primo tempo si chiude con lo spunto di Tollardo in area poi chiuso bene da Luigi Pinna.

Nella ripresa la squadra di Paba stringe i tempi per mettere a sicuro il risultato, percussione di Mesina a sinistra e palla all'indietro, finta di Carboni per l'accorrente Carrus ma il destro secco viene deviato in angolo da un difensore di casa. Risponde il Ladispoli con il bel sinistro al volo di Bertino che fa la barba al palo alla sinistra di di Monni. La risposta neroverde è con il colpo di testa di Mesina su punizione di Carrus che Salvato blocca a terra. Bella la risposta di Monni alla punizione di Cardella, calciata dallo stesso punto in cui Nicola Manca ha fatto la prodezza, la palla buca la barriera ma il portiere classe 2001 si distende e devia in angolo. Bosco cambia in attacco con l'ingresso di Camilli per La Rosa e Cardella ne beneficia procurandosi il calcio di rigore (atterramento di Boi) che trasforma con un potente sinistro. Il gol potrebbe dare slancio ai padroni di casa ma la reazione del Castiadas è veemente. Prima Carboni centra in pieno la traversa con un destra dai 25 metri, la palla ricade in campo e Salvato blocca. Poi Mesina decide la gara a 10' dal termine: Carrus di testa appoggia a destra per Tiraferri, preciso cross a centroarea per il lbomber che anticipa il diretto marcatore e di testa supera Salvato con una palla angolata. Prima del triplice fischio Carrus va segno sugli sviluppi di un tiro smorzato di Carboni ma il secondo assistente annulla per fuorigioco per la presunta posizione del capitano sarrabese. Poco male perché il triplice fischio sancisce l'importante vittoria del Castiadas che abbandona i bassifondi e può affrontare con tranquillità il match di mercoledì contro l'Albalonga. (nella foto gli autori dei gol del Castadas Nicola Manca e Antonio Mesina)

 

LADISPOLI: A. Salvato, G. Salvato, Mastrodonato, Tollardo, Gallitano, Leone, De Fato, Bertino (41’ st Pagliuca), Cardella, La Rosa (18’ st Camilli), M. Sganga (34’ st Cannizzo). A disp. Travaglini, Barone, Manzari, Zucchi, A. Sganga, Maroncelli. All. Pietro Bosco

CASTIADAS: Monni, A. Pinna, Tiraferri, Carboni, L. Pinna, Boi, D. Manca (38’ st Camba), Carrus, Mesina (43’ st Figos), Steri, N. Manca. A disp. Idrissi, Sau, Ciotti, M. Pinna, Serra, Moi, Melis. All. Massimiliano Paba

ARBITRO: Fabio Rosario Luongo di Napoli

RETI: 38' pt N. Manca, 26' st Cardella (rig), 36' st Mesina.

NOTE: Ammoniti: Leone, L. Pinna, Tollardo, Mesina. Angoli: 4-1. Recupero: 1’ + 4’. Spettatori 300 circa.

 

In questo articolo
Squadre:
Campionato:
Stagione:
2018/2019
Tags:
7ª giornata