Salta al contenuto principale
Stefano Udassi, allenatore, Latte Dolce
La vittoria di Monterosi è l'ulteriore salto di qualità della squadra di Udassi

Latte Dolce inarrestabile e ora sogna la vetta: se batte il Castiadas può condividere il primato con Avellino o Trastevere

Ci sono bivi della stagione che vanno presi per svoltare completamente e il Latte Dolce l'ha fatto un mese fa quando al Partenio di Avellino ha giocato una super-gara rimontando con Antonelli lo svantaggio di De Vena e sfiorando una vittoria che avrebbe meritato. In quel frangente, la squadra di Stefano Udassi (nella foto) ha fatto uno scatto nella qualità del gioco, nell'autostima e nella mentalità perché poi ha battuto e agganciato l'Sff Atletico che arrivava da tre vittorie in quattro gare battendo bene Avellino, Cassino e Flaminia. Dopodiché ha affrontato col piglio giusto il derby a Lanusei mettendo in difficoltà gli ogliastrini, specie nel primo tempo, come nessuno aveva fatto al Lixius andando più degli avversari vicino alla vittoria. Uno 0-0 che ha assunto un certo valore nelle due sfide ravvicinate in casa contro Flaminia e Cassino, vinte entrambe di misura con la pazienza di chi ha acquisito una dimensione da grande squadra. Quella che poi si è vista in misura ancora più marcata domenica sul campo del Monterosi che, avendo perso la vetta nel derby viterbese con la Flaminia, era animata da una grande voglia di riscatto. E la squadra di Mariotti ha giocato un bel primo tempo, passando in vantaggio con Nohman e creando altri grattacapi dalle parti di Garau che ha perso l'imbattibilità dopo 413'. Nella ripresa i biancocelesti hanno avuto una reazione di gruppo che forse ha sorpreso gli stessi avversari. Intanto Patacchiola si è inventato il gol del pareggio con un destro a giro degno del miglior Del Piero, poi lo stesso difensore reatino ha svettato da par suo sul calcio d'angolo firmando una incredibile doppietta. I sassaresi non si sono scomposti nemmeno al pari di Liurni e, soprattutto, non si sono accontentati di un pareggio che sarebbe stato comunque ottimo. Nei minuti finali la capocciata di Sartor ha messo il sigillo al terzo successo in trasferta (a poco più di un mese dopo lo 0-3 di Anzio) e ha certificato il recupero importante dell'attaccante argentino assente dai campi di gioco dalla sfida casalinga contro l'Albalonga del 14 ottobre scorso.

 

Il salto in classifica e la vetta ad un passo. Quest'accelerazione nelle ultime sei giornate si è tradotta in 14 punti, in un miglioramento di 7 posizioni e ora il Latte Dolce è la vice-capolista in coabitazione con l'Avellino. Domenica prossima si presenterà per Garau e compagni un altro bivio perché nel derby sardo al Vanni Sanna contro il Castiadas ci potrebbe essere in palio la stessa vetta del girone. Il Trastevere, infatti, che non ha giocato domenica la propria gara contro l'Anagni per il maltempo, sarà di scena ad Avellino che punta alla vittoria-sorpasso dopo aver superato il momento di crisi. Se contestualmente dovesse vincere anche la squadra di Udassi, i sassaresi assaporerebbero la vetta coi lupi irpini. In caso di pareggio al Partenio allora la leadership verrebbe condivisa coi capitolini. Sarebbe un traguardo parziale ma significativo, che testimonierebbe la bontà del progetto frutto del connubio perfetto tra la società storica - con le figure fi Alessio Marras, Roberto Fresu e Adriano Fantoni - e le anime manageriali degli sponsor Abinsula (Pierluigi Pinna) e Matica (Gianluca Manca) che hanno puntato sul tecnico sassarese (che può contare anche sul team manager Lello Mela giunto anch'egli dallo Stintino), sulla valorizzazione dei giovani del vivaio e su una intelaiatura quasi interamente di giocatori sardi. Quei 30 punti in 15 giornate vorrebbero dire una media da sogno di 2 punti a partita. Numeri che il tecnico Udassi preferirebbe analizzare solo a posteriori sapendo bene che la gara contro il Castiadas, appena passato nelle mani di Puccica e in campo domani nel recupero contro il Latina dopo aver battuto il Flaminia, è molto più difficile di quanto non faccia pensare la differenza di classifica.

In questo articolo
Squadre:
Allenatori:
Campionato:
Stagione:
2018/2019