Salta al contenuto principale
Castiadas a porta chiusa, la Torres crea limpide occasioni ma non segna nemmeno su rigore
Sarrabesi lottatori, al 94' Pioli ferma Scotto

Castiadas a porta chiusa, la Torres crea limpide occasioni ma non segna nemmeno su rigore

A Castiadas di aperto c'erano solo in cancelli d'ingresso per la tifoseria di casa mentre è rimasta chiusa per tutta la partita la porta difesa da Pioli. La nuova Torres di Marco Sanna sa di vecchio solo nel fatto che continua a non vincere in trasferta ma è rinnovata nello spirito e nel gioco perché ha voglia di fare, riesce a creare tante occasioni e sciupa quella più clamorosa al 94' quando Scotto si fa parare il calcio di rigore.

L'intervento di Porcu su Scotto al 94' e Pioli para il rigoreLo 0-0 viene festeggiato come una vittoria dai sarrabesi perché, con la prodezza di Pioli, è arrivato il triplice fischio e la squadra biancoverde era ridotta in nove uomini per le espulsioni di Berardi (esagerata) al 41' della ripresa e di Porcu in occasione del penalty che avrebbe potuto decidere il derby. La differenza tecnica tra le due squadre si è vista, specie in un primo tempo nel quale i sassaresi hanno avuto almeno tre nitide palle-gol con Scotto e Chelo mentre il Castiadas si era reso pericoloso con Coquin ed è qui che, alla fin fine, sta la bravura del tecnico Bernardo Mereu abile nel riuscire, anche con un pizzico di fortuna, a tirar fuori il massimo da un match quasi proibitivo.

 

Le formazioni. Attacco senza punte vere per i padroni di casa che hanno appena licenziato il brasiliano Schumacher, Mereu chiede a Coquin di agire come terminale offensivo mettendogli sulle ali l'ex Migoni e Anedda, a centrocampo Bruno fa lo schermo davanti con Berardi ed Emmanuele Piras (secondo ex) interni, in difesa davanti a Pioli ci sono Orrù, Porcu (terzo e più significativo ex con quasi 100 presenze in rossoblù tra C1 e C2), Usai e Contu. Sanna al debutto sostituisce lo squalificato Cossentino con Gagliardini in coppia con Biondi, terzini Cafiero e Raucci, in porta fadda Fadda, in mediana al posto di Bottone spazio a Masala e Casini, sulle fasce Demartis e Lisai con Scotto che balla tra la trequarti e l'appoggio alla prima punta Chelo.

 

Primo tempo. Le polemiche del fine settimana tra la decisione del Prefetto di Cagliari con le porte chiuse per una accesa (e inesistente) rivalità tra le due tifoserie, derubricata poi a ovvia assenza dei tifosi sassaresi (un'abitudine per le gare nel Cagliaritano), fanno subito spazio al gioco. Che si fa duro fina dai primi secondi, ossia quando Masala ferma con le maniere forti una ripartenza di Migoni e si guadagna subito il cartellino giallo. La Torres inaugara la sagra degli errori già al 3' quando Demartis imbecca stupendamente Chelo, che prende il tempo all'ex compagno del Selargius Usai, e calcia di collo alto al primo rimbalzo della palla. Tema tattico già subito chiaro: i rossoblù fanno la gara e cercano le fasce per l'uno contro uno di Lisai e Demartis contro Orrù e Contu. Al 7' altra ghiottissima chance torresina, tutto nasce dallo spunto di classe di Demartis che verticalizza per Scotto, scambio di prima con Chelo, l'attaccante perde tempo col primo stop, dà modo a Pioli di guadagnare due metri e gli calcia la palla addosso. Mereu chiede a suoi personalità e fraseggio, la squadra lo prende in parola al 9': Piras verticalizza per Berardi in posizione di centravanti, sponda di prima per Coquin che entra in area e cerca l'angolo, Fadda si distende e manda in angolo. Il gioco però torna in mano alla Torres, Masala e Casini tessono le trame che hanno poi sfogo in fascia. Al 20' è bellissima l'azione in velocità dei rossoblù, Scotto allarga per Lisai che guadagna il fondo e mette una pericolosa palla in area, Chelo è tagliato fuori ma non Scotto che arriva da dietro e strozza il tiro col collo, la palla rimbalza davanti a Pioli che smanaccia in angolo. Sugli sviluppi del quale Cafiero di testa indirizza la palla troppo centralmente tra le braccia del portiere toscano. Al 30' il taglio palla al piede di Lisai è fermato fallosamente da usai (giallo), Demartis calcia a giro la punizione dai 25 metri ma Pioli si tuffa alla sua sinistra e blocca. Il Castiadas è impotente, sbaglia (ma anche costretta) nello scavalcare la mediana con palle facili prede di Biondi e Gagliardini. Sull'altro fronte Chelo e Scotto scambiano spesso bene posizione e palla, manca poi la stoccata giusta. Bello lo schema su punizione al 35' che vede Demartis verticalizzare per Scotto, palla di prima sull'inserimento di Lisai poi chiuso in angolo sul cross in mezzo. Al 36' ci prova Demartis con una battuta dai trenta metri alta sulla traversa. L'ex Migoni ogni tanto cambia fascia ed è più produttivo quando duella con Raucci più che con Cafiero. Il finale di tempo vede i biancoverdi correre meno pericoli perché Porcu arpiona ogni palla e Bruno ferma in tackle uno sfondamento in area di Scotto. 

 

Secondo tempo. Nessun cambio ad inizio ripresa e Castiadas un po' più propositivo. Al 1' sulla punizione laterale di Migoni ribattuta, Anedda ci prova dal limite col collo destro ma la palla è abbondantemente alta. La risposta torresina è al 3', sovrapposizione di Raucci su Lisai, cross basso del terzino che attraversa l'area piccola senza che né Scotto, né Chelo e né Demartis trovino la zampata risolutiva. Il binario di sinistra funziona bene in casa rossoblù, Lisai e Raucci replicano il duetto al 9', questa volta il cross teso del mancino classe '97 viene respinto coi pugni da Pioli in anticipo su Chelo. Sanna prova a pescare nuove soluzioni dalla panchina e fa entrare i due neo-convocati in Rappresentativa Musto e Rasak al posto di Masala e Chelo. In mezzo c'è il tentativo di Anedda fermato da Raucci a pochi passi da Fadda e l'esterno destro di Scotto, dopo lo scambio con Musto, bloccato a terra da Pioli. Al 21' Demartis avrebbe una bella chance su calcio piazzato ma il suo destro è più potente che preciso e si spegne oltre la traversa. Con Musto in campo, Scotto svaria più sulle fasce ma la Torres punge meno che al primo tempo anche se è apprezzabile la rovesciata da ferma di Musto, su assist di Lisai, Pioli in tuffo accompagna la palla fuori. Riprendono quota i rossoblù che al 31' confezionano una bella chance: Lisai sventaglia per Demartis sulla destra, cross teso che Scotto gira prontamente di testa, super Pioli si lancia all'angolino e salva il risultato finendo lui dentro la porta. Al 33' Mereu toglie Migoni e manda in campo Giulio Pinna, Piras si sposta in fascia. Grande pericolo in area biancoverde al 36': sulla punizione laterale di Demartis, esce Pioli su Biondi, la palla resta al limite dell'area piccola con Gagliardini che tenta da terra di girarla nella porta sguarnita senza riuscirvi. Mereu spezza le offensive avversari coi cambi, al 38’ dentro Frau per Bruno. Il finale si fa emozionante perché l'arbitro Pragliola di Terni è troppo severo nel giudicare volontario il tocco di mano di Berardi sul contrasto con Scotto, secondo giallo e Castiadas in dieci. Si fa male anche Usai ed entra Provenzano. I biancoverdi, spinti dal pubblico, riescono a tenere la palla nella metà campo avversario senza rischiare in difesa dove si è abbassato Frau. I secondi scorrono veloci, quando ne mancano trenta alla fine, arriva la grande chance della Torres: Demartis pennella in area una bella palla col sinistro, Gagliardini fa sponda aerea per Scotto, sulla palla si avventa Porcu che rinvia prendendo pure la gamba dell'avversario, per il direttore di gara è rigore, ammonizione ed espulsione del capitano sarrabese. Sul dischetto ci va Scotto, destro ad incrociare forte ma centrale, Pioli si accartoccia e blocca. Neanche il tempo di rinviare palla perché l'arbitro Pragliola fischia la fine, tutti i giocatori biancoverdi abbracciano il loro eroe mentre gli abbattuti visi dei rossoblù fanno ritorno mesto negli spogliatoi. L'abbraccio finale tra l'allievo Sanna al maestro Mereu è la giusta immagine per un derby spigoloso e corretto che la Torres avrebbe meritato di vincere ma che il Castiadas non ha perso per carattere e spirito di squadra.

 

CASTIADAS: Pioli, Orrù, Contu, A. Usai (43’ st Provenzano), Porcu, Bruno (38’ st Frau), Anedda, Berardi, E. Piras, Coquin, Migoni (33’ st G. Pinna). A disp. Dessalvi, Cordeddu, Pinna, Porru, S. Usai, N. Piras. All. Bernardo Mereu.

SEF TORRES: Fadda, Cafiero, Raucci, Masala (16’ st Rasak), Biondi, Gagliardini, Demartis, Casini, Scotto, Lisai, Chelo (11’ st Musto). A disp. Iali, Girardi, Della Guardia, Sassu, Bisogno, Damiano, Santaniello. All. Marco Sanna.

ARBITRO: Pragliola di Terni.

NOTE: Espulsi al 41' st Berardi e al 49' st Porcu per doppia ammonizione. Ammoniti: Masala, Coquin, Usai, Casini, Biondi. Angoli: 2-4. Recupero: 1’ + 4’. Spettatori: 300 circa.

In questo articolo
Campionato:
Stagione:
2015/2016
Tags:
Sardegna
12 Andata
Girone G

Archivio articoli in evidenza