Salta al contenuto principale
Daniele Ragatzu, attaccante, Olbia
Non basta il gol di Curcio a metà ripresa, i bianchi in zona playoff

Il derby all'Olbia, la vendetta contro l'Arzachena servita con l'uno-due di Senesi e Ragatzu nel finale del primo tempo

Vince l'Olbia e si avvicina a grandi passi alla salvezza, perde l'Arzachena che però mantiene le 6 lunghezze di vantaggio sulla zona playout. Il derby di Gallura, di fronte a 2mila spettatori, va alla squadra di Bernardo Mereu che capitalizza al meglio l'uno-due nel finale di tempo a firma di Senesi e Ragatzu. Nella ripresa gli smeraldini di Giorico accorciano le distanze con Curcio (colpo di testa) ma non trovano nell'ultima parte del match il guizzo giusto per impattare il match e chiudono con l'uomo in meno per l'espulsione di Vano (fallo su Vallocchia). I bianchi si prendono, perciò, la rivincita dopo le tre sberle ricevute lo scorso 29 ottobre e ora sognano l'ingresso nei playoff con l'ottavo posto nella classifica generale.

 

La gara. Mereu sceglie Senesi in coppia con Ragatzu e Murgia a supporto, Pennington perde il ballottaggio a centrocampo formato da Feola, Muroni e Vallocchia, in difesa Pinna, Leverbe, Iotti e Cotali davanti ad Aresti. Modulo speculare per Giorico che cala i tre tenori davanti con Curcio alle spalle di Vano e Sanna, a centrocampo La Rosa, Casini e Nuvoli, in difesa Arboleda, Sbardella, Piroli e Trillò a protezione di Ruzittu. Parte bene l'Olbia che, al 5', sfrutta con Ragatzu il lungo rinvio di Aresti, l'ex attaccante del Cagliari aggancia stupendamente al volo e, con un tocco sotto, tenta di superare Ruzittu che si rifugia in angolo. Al 10' colpo di testa di Leverbe alto sulla traversa su palla ferma calciata da destra da Ragatzu. L'equilibrio viene rotto al 36' su palla inattiva: dalla bandierina Ragatzu manda la palla a centroarea, Leverbe manca l’impatto ma il compagno di squadra Senesi gira il pallone in rete di testa imparabile per Ruzittu. L'Arzachena accusa il colpo e i bianchi ne approfittano subito per colpire una seconda volta. Al 41’ palla rubata a centrocampo a La Rosa, Senesi fugge in velocità, entra in area e calcia in diagonale, Ruzittu non ci arriva, Sbardella salva la palla quasi sulla linea ma si avventa come un falco Ragatzu che insacca. La squadra di Giorico si desta e, prima dell'intervallo, prova a dimezzare inutilmente lo svantaggio con il sinistro angolato di Curcio fuori di poco.

Al ritorno in campo gli smeraldini lasciano da parte gli impacci della prima frazione e cercano di far male gli avversari: al 4’ Curcio batte un angolo, la palla viene alzata in campanile da Leverbe, di testa tocca Nuvoli che libera Sanna per il tocco sottoporta, gol annullato dall'arbitro Santoro per fuorigioco. Giorico aumenta la spinta offensiva, al 12’ entra Bertoldi per La Rosa. Il gol arriva al 23' con l'uomo più pericoloso, quell'Alessio Curcio, che di testa su cross dal neo-entrato Lisai (ben servito da Trillò) supera Aresti. Spingono i biancoverdi che alla mezz’ora si rendono pericolosi ancora con lo spunto di Lisai (uno dei tanti ex in campo), sul tiro-cross dell'esterno c'è la zampata vincente di Vano che però viene segnalato in posizione molto dubbia di fuorigioco. Nell'ultima parte sale la tensione e fioccano i cartellini gialli per Ragatzu, Sbardella e Bertoldi. L’Olbia difende a denti stretti il vantaggio di misura. Al 42’ ancora Lisai a creare scompigli in area avversaria con una punizione, la palla viene intercettata da Sbardella che conclude senza centrare il bersaglio grosso. Si entra nel recupero e c'è il rosso diretto per Vano che, nel saltare di testa al limite dell'area, tocca Vallocchia con una gomitata. Il secondo derby tra i professionisti va all'Olbia che sale a quota 39, ormai ad un passo dalla salvezza. Martedì si ritorna subito in campo, l'Arzachena ospita il Cuneo (ore 14,30) mentre i bianchi sono sul campo della Giana Erminio (alle 16,30). 

 

OLBIA: Aresti; Pinna, Leverbe, Iotti, Cotali; Feola, Muroni, Vallocchia; Murgia (23' st Biancu); Ragatzu (40' st Choe), Senesi (32' st Silenzi). A disp. Van der Want, Manca, Geroni, Dametto, Pennington, Pisano, Oliveira. All. Bernardo Mereu.

ARZACHENA: Ruzittu; Arboleda (44' st Musto), Sbardella, Piroli, Trillò (44' st Peana); Casini (20' st Lisai), La Rosa (12' st Bertoldi), Nuvoli; Curcio; Vano, Sanna. A disp. Cancelli, Esposito, Maestrelli, Aiana, Taufer, Cardore, Varricchio. All. Mauro Giorico.

ARBITRO: Alberto Santoro di Messina

RETI: 36' pt Senesi, 41' pt Ragatzu, 23' st Curcio. 

NOTE: Espulso al 49' st Vano per gioco scorretto. Ammoniti: Murgia, La Rosa, Pinna, Muroni, Ragatzu, Sbardella, Bertoldi. Recupero: 1' + 5'. Spettatori: 2mila circa.

In questo articolo
Squadre:
Giocatori:
Campionato:
Stagione:
2017/2018
Tags:
11 Ritorno