Salta al contenuto principale
Muravera gagliardo ma sfortunato, la Viterbese resta in dieci e piazza il colpo del ko
I sarrabesi con Massessi e Mesina sfiorano il pari

Muravera gagliardo ma sfortunato, la Viterbese resta in dieci e piazza il colpo del ko

"Ha da passà 'a nuttata" dicono a Muravera dopo la gara persa di misura contro la corazzata Viterbese. Gli episodi negativi (infortunio di Vignati dopo 10', le occasioni da gol di Massessi e Mesina) battono di molto quelli positivi (l'espulsione di Scardala e il ritorno di Chessa) e i sarrabesi si trovano ancora senza vittoria ormai da sei turni con 4 punti conquistati nelle ultime 9 giornate che gli hanno fatti precipitare al quart'ultimo posto.

Daniele Ansini ha segnato il gol-vittoria per la ViterbeseMa, guardando nelle pieghe di un match difficile come quello contro i castrensi dell'ex Nuvoli, ci sono ottimi spunti per pensare che la squadra di Marco Piras potrà presto risollevarsi non appena il tecnico cagliaritano potrà avere tutti gli effettivi a disposizione. La difesa aveva appena ritrovato il suo capitano Chessa dopo 7 giornate ma Vignati ha dovuto alzare bandiera bianca dopo 10' per un dolore intercostale; Onano, dopo un grande primo tempo, è calato alla distanza per una contrattura con Dessena inutilizzabile e in tribuna per squalifica; Mesina ha lottato contro i corazzieri Pomante, Scardala e poi Dierna ma non è riesciuto a sbloccarsi con quelle due conclusioni sottoporta al crespucolo del match che hanno fatto sudare freddo il patron dei canarini Camilli e strozzare l'urlo ai tifosi di casa. Il calendario non è dalla parte dei sarrabesi attesi dalla trasferta di Arzachena ma per la gara contro l'Albalonga potrebbero presentarsi con qualche volto nuovo.

 

Formazioni. Rispetto alla gara di Astrea mister Piras parte col 4-4-2, non c'è Dessena in attacco ma torna Nurchi in coppia con Mesina, Onano fa coppia con Sogus in mediana, esterni sono Baone e Cotza, in porta Arrus e difesa di inizio campionato con Chessa e Vignati più Tamba e Vercelli esterni. Nofri presenta la stessa squadra che ha battuto il Lanusei eccezion fatta per lo squalificato del terzino Fè sostituito da Perocchi con spostamento a sinistra di Pandolfi, Pini in porta e centrali Pomante e Scardala, a centrocampo Cuffa in mezzo a Nuvoli e Ansini, confermando Belcastro trequartista dietro Bernardo e Neglia, perciò in panchina siedono Nohman, Oggiano, Romeo, Giannone e l'ultimo arrivato Selvatico che, tutti insieme, superano il budget dell'intera stagione del Muravera.

Vingati esce per infortunio, Vercelli contrasta Bernardo, capitan Chessa imposta

Primo tempo. Vento a favore della Viterbese e tema tattico subito chiaro con i laziali a manovrare la palla e il Muravera pronto alle ripartenze. Che si vedono già al 2' quando, sugli sviluppi di un angolo battuto dai gialloblù ospiti, Onano recupera palla al limite dell'area e serve Baone, l'ex Nuorese porta palla indisturbato ma serve malamente Nurchi in situazione di tre contro due, Pandolfi spazza. Idem come sopra al 4' quando Nurchi serve sulla corsa Cotza che, anziché servire Mesina nel taglio verso la porta tenta un improbabile dribbling. L'inizio degli arancioblù è confortante perché si difendono con attenzione e ribaltano l'azione con efficacia. Ma la squadra di Nofri ha giocatori di grande livello e mette apprensione ogni volta che si riversa nei dintorni dell'area sarrabese. Al 5' Cuffa, argentino che ha vestito per 5 stagioni la maglia del Padova in serie B, supera Baone e calcia in diagonale, la palla attraversa lo specchio di porta e sfiora il palo alla sinistra di Arrus. Viterbese vicino al vantaggio all'11' quando Neglia, da sinistra, lavora una bella palla e crossa per Bernardo, che con la testa prolunga verso Nuvoli, destro sul palo opposto per l'arrivo di Ansini che centra la traversa. Nell'occasione vicino si tocca il costato ed esce a bordocampo per farsi medicare. Dopo 3' entra Massessi e torna l'equilibrio in campo, col Muravera che al 17' si rende pericoloso con l'incursione di Mesina e poi il tiro di Nurchi che Pini blocca a terra. La gara si fa veloce e fioccano le occasioni, passa 1' e Belcastro, tecnica e geometrie da vendere, finta il destro dai venti metri e poi scarica un sinistro a fil di palo con Arrus che comunque in tuffo ha accompagnato la palla. La Viterbese gioca di squadra, al 19' sfiora ancora il vantaggio: l'azione parte da Perocchi, il cross finisce sulla fascia opposta dove Pandolfi centro in area per la deviazione aerea di Bernardo, gran riflesso di Arrus che alza sopra la traversa. Dall'angolo parte il solito e pericoloso contropiede che Nurchi chiude con un potente diagonale costringendo Pini alla deviazione in corner. Per 10' si apprezza l'agonismo, con Onano e Sogus a dar battaglia a Cuffa, Nuvoli e Belcastro, pochi falli ma diverse entrate decisi che fanno capire l'importanza della gara ad entrambe. Poi la squadra di Nofri, si illumina di improvviso col suo trio d'attacco, Belcastro fa filtrare palla a Bernardo, che si gira e serve Neglia sul vertice sinistro dell'area, dribbling a rientare su Baone e destro violento che fa la barba al palo tocca l'esterno della rete e fa gridare al gol tutta la panchina viterbese. Il Muravera incassa e ribatte, al 30' Chessa trova Cotza a sinistra, scarico per Onano che serve Mesina, controllo e destro fuori misura ma il pubblico di casa apprezza. Arrus c'è al 33' quando blocca in tuffo il tiro di Neglia. Chessa prima e Vercelli poi sbrogliano una brutta mischia in area con Cuffa e Nuvoli che non trovano lo spazio per la battuta a rete. Nel giro di 3' l'episodio che potrebbe favorire la squadra di casa: al 34' Scardala mette giù Nurchi e si guadagna il giallo, al 37' Chessa ferma Bernardo in area, Mesina scatta in contropiede e prova a superare il capitano gialloblù che ferma la palla col braccio  seconda ammonizione e Viterbese in dieci. Nofri ci pensa un po' e al 42' poi manda in campo il centrale Dierna per il trequartista Belcastro. Non accade più nulla fino al riposo.

Cuffa, duello tra Cotza e Perocchi, Belcastro, Nurchi controlla palla e l'ex Nuvoli

Secondo tempo. La Viterbese torna in campo con un compatto 4-4-1 e per nulla scomposto dall'inferiorità numerica. Al 2' Bernardo recupera palla sulla trequarti difensiva, si porta a spasso Sogus per una ventina di metri poi verticalizza per il taglio di Ansini ma Arrus esce in modo tempestivo e blocca protetto da Chessa. Passa 1' e Neglia sfodera un destro in corsa pericoloso, di poco fuori. Il Muravera fatica a trovare spazio, ma quando Nurchi si allarga a destra mette in difficoltà Pandolfi che rischia il giallo per fermarlo. Al 4', punizione di Onano, Massessi rimette in area ma Pini esce e blocca. Al 12' ancora Nurchi prende il tempo a Pandolfi, entra in area ma non trova la coordinazione per battere a rete, ne vien fuori una palombella con Pini che anticipa Mesina. Al terzo fallo su Nurchi rimedia il giallo Pandolfi. Il Muravera inizia a creare pericoli, al 14' Mesina serve Cotza in penetrazione da sinistra ma l'esterno viene chiuso in angolo da Pomante. Sul corner a giro dell'esterno baruminese, difettosa presa di Pini con palla poi protetta da Dierna. Al 17' la Viterbese sblocca improvvisamente la gara. Bernardo è bravo a portar palla centralmente e poi allargarla su Ansini, fuori posizione Tamba e per l'esterno classe '96 può controllare e piazzarla all'angolino, la palla colpisce il palo e si adagia in fondo al sacco.

Il diagonale del 18enne Ansini che ha deciso la gara a favore della Viterbese

Mister Nofri vuole congelare il match, fuori Bernardo e dentro il fresco Nohman a tenere impegnati i due difensori centrali, Piras risponde togliendo Cotza per Satta, il centrocampo passa a tre e Onano va sulla trequarti. Ci vorrebbe Dessena per far infilarsi in qualche crepa della difesa ospite. Ci prova Nurchi al 27' che procura un altro giallo sfuggendo a Pomante, sulla punizione dalla trequarti di Onano, Massessi esita un attimo e manca d'un soffio l'aggancio sottoporta. La Viterbese rischia ma punge, subito Neglia calcia dal limite sfiorando l'incrocio.

L'occasione di Massessi ad un passo da Pini e il diagonale nel recupero di Mesina fuori di poco

I sarrabesi non riescono a dare contnuità agli attacchi perché calano fisicamente e perché i laziali sono ben chiusi e rallentano il gioco con Nuvoli e Nohman. In due occasioni Sogus e Nurchi vengono stoppati al limite dell'area. Porru, entrato al 33’ per Baone, vivacizza il lato destro d'attacco, specie nel finale: al 43' mette una palla radente, Dierna salva spazzando via; al 45' l'ex Porto Corallo ripete lo stesso spunto e cross, Mesina e Pomante arrivano in scivolata ma la zampata dell'ex Castiadas è alta sopra la traversa. Ultima chance, clamorosa, al 47': Sogus verticalizza in area per Mesina, il dorgalese è bravo a fare perno su Dierna e a calciare in diagonale, Pini è battuto ma la palla fa la barba al palo. Finisce con la Viterbese ad esultare per la prima vittoria esterna dell'era Nofri e il Muravera, stremato, che esce con un pugno di mosche in mano.

Il tecnico Piras si dispera, mister Nofri scherza con la panchina e abbraccia Pomante, i tifosi gialloblù

MURAVERA: Arrus, Tamba, Vercelli, Vignati (14’ pt Massessi), Sogus, Chessa, Cotza (21’ st Satta), Baone (33’ st Porru), Nurchi, Onano, Mesina. A disp. Galasso, Maccioni, Abachisti, Zugliani, Lintas, Uccheddu. All. Marco Piras.

VITERBESE: Pini, Pandolfi, Perocchi, Cuffa, Pomante, Scardala, Ansini, Nuvoli, Bernardo (19’ st Nohman), Belcastro (42’ pt Dierna), Neglia. A disp. Mastropietro, Menestrina, Selvatico, Giannone, Mbaye, Oggiano, Romeo. All. Federico Nofri.

ARBITRO: Luca Testi di Livorno.

RETI: 17’ st Ansini.

NOTE: Espulso al 37’ pt Scardala per doppia ammonizione. Ammoniti: Baone, Pini, Pandolfi, Pomante. Angoli: 4-7. Recupero: 2' + 4'. Spettatori: 300 circa. 

In questo articolo
Squadre:
Campionato:
Stagione:
2015/2016
Tags:
Sardegna
13 Andata
Girone G

Archivio articoli in evidenza