Salta al contenuto principale
Muravera, mister Piras incassa la prima sconfitta: «Perso un punto, nella ripresa abbiamo creato tanto, il pareggio con l'Astrea ci stava»
Ora la Viterbese: Una corazzata ma ce la giochiamo

Muravera, mister Piras incassa la prima sconfitta: «Perso un punto, nella ripresa abbiamo creato tanto, il pareggio con l'Astrea ci stava»

Una sconfitta dura da digerire perché arrivata tra un gol evitabile in apertura e uno nel recupero dopo aver fallito diverse occasioni per pareggiare. Il Muravera chiude in malo modo una trasferta iniziata col forfait del bomber Nurchi e del '98 Zugliani, proseguita con dei bagagli stivati su un altro volo e recuperati poco prima dell'inizio della gara. Nonostante tutte queste avversità i sarrabesi potevano tornare in Sardegna con un punto che, alla luce dei risultati di giornata, sarebbe stato d'oro.

Marco Piras è da due giornate il tecnico del MuraveraCome conferma il tecnico Marco Piras: «Abbiamo lasciato per strada un punto e perso contro una squada che era ampiamente alla nostra portata. Una gara da 0-0 o perlomeno da 1-1 visto che il loro portiere Placidi ha fatto tre belle parate su Sogus, Satta, Cotza e, nel recupero, su Mesina». Quest'ultima poco prima di subire il 2-0, quando con l'uomo in meno per l'espulsione di Dessena, il difensore Vignati faceva l'attaccante aggiunto. «Abbiamo provato ciò che c'era riuscito bene col Cynthia quando abbiamo fatto gol con Nurchi, peccato perché il gol lo meritavamo».


 Il tecnico è contento della prova dei suoi anche se è la seconda gara di fila che la partita inizia ad handicap: «Prendiamo gol subito e non va bene perché poi diventa più complicato per noi risalire la china. Nel primo tempo poche occasioni e palla quasi sempre a centrocampo». Nella ripresa è entrato Cotza al posto di Porru con la squadra che si era già messa col 4-4-2, con Dessena spostato sull'ala: «Gran bel secondo tempo, abbiamo costretto alla difensiva l'Astrea, che faticava a ripartire. Per fermarci hanno usato le maniere forti, volevano la vittoria a tutti i costi, dispiace che l'arbitro abbia permesso questo atteggiamento. Anzi, ha pure espulso Dessena dopo aver subito un fallo e cercava di allontanare l'avversario per battere la punizione più velocemente». Il mancino quartese salterà il match con la Viterbese, una delle corazzate del girone che sta cercando di non perdere il treno delle battistrada. «Recupero Nurchi e spero di avere a disposizione anche Chessa - dice il tecnico Piras - poi ci prepareremo bene ad affrontare un avversario forte, che con l'uomo in meno ha battuto il Lanusei, permettendosi il lusso di non schierare dal 1' alcuni pezzi da novanta come Giannone, Nohman e Oggiano, e che ha appena ufficializzato l'acquisto di Selvatico, ex Catanzaro. Puntano a vincere il campionato ma ci opporremo con le nostre armi ed un atteggiamento giusto di chi vuole ottenere un risultato positivo, in serie D non puoi guardare al nome dell'avversario ma cercare di fare punti contro tutti».

In questo articolo
Squadre:
Allenatori:
Campionato:
Stagione:
2015/2016
Tags:
Sardegna
12 Andata
Girone G

Archivio articoli in evidenza