Salta al contenuto principale
Alessio Figos, attaccante, Castiadas
Pesa il gol annullato a Manca, i laziali meglio meglio nella ripresa

Il Castiadas scappa due volte e viene sempre raggiunto dall'Albalonga ma è un punto importante

Guardando il primo tempo il Castiadas può dire che avrebbe meritato la vittoria, vedendo il secondo può fare altrettanto l'Albalonga. E siccome le ultime cose viste sono le più fresche il 2-2 potrebbe generare un rammarico superiore ai laziali che non ai sarrabesi. Ma sia gli uni, in trasferta in un turno infrasettimanale, che gli altri, al cospetto di un avversario importante, sanno anche apprezzare il punto. Il tecnico di casa Massimiliano Paba allunga la striscia positiva a sei risultati utili di fila che si riduce a cinque per effetto della decisione del Giudice Sportivo di trasformare il pareggio per 1-1 contro il Trastevere in gara persa a tavolino per 0-3; il tecnico ospite Fabrizio Ferazzoli ottiene il terzo pari di fila, il quinto nelle ultime sei gare che frenano il volo dei biancocelesti nelle zone altissime della classifica, quelle più consone per ambizione e qualità d'organico. I quattro gol sono maturati tutti nel vivace primo tempo con i biancoverdi sempre avanti e prontamente ripresi: quello con l'azione migliore porta la firma di Carrus ed era l'1-0, rocambolesco l'1-1 di Massella liberato da un rimpallo sul tentativo di rinvio di Luigi Pinna, il 2-1 di Figos è frutto del fiuto del gol dell'attaccante ex Lanusei e Tortolì mentre quello del 2-2 di Pippi è da bomber d'area di rigore. Resta però un dubbio ed è quello del 3-1 annullato a Nicola Manca per presunto fuorigioco sul cross di Serra, poteva essere l'episodio che avrebbe reso il bottino pieno.

 

La gara. Paba ripropone Figos dal 1' in attacco con Mesina, centrocampo a cinque con Tiraferri, Serra, Steri, Carrus e Nicola Manca, in difesa Boi con Luigi e Alessandro Pinna, in porta Monni. Ferazzoli porta in panchina l'infortunato Corsetti e, infatti, non lo utilizzerà e si affida a Pippi e Massella in attacco, Magliocchetti, Lommi, Barone, Fatati e Pace a centrocampo, Sordi, Panini e Pucino davanti al portiere Del Moro. All'8' Carrus apre verso Tiraferri, aggancio e cross Carrus aggancia bene di testa ma centrale e para Del Moro. Al 10' il Castiadas fallisce il gol del vantaggio: punizione da centrocampo di Carrus, palla a Figos che la ammorbidisce per Mesina che, di prima intenzione, calcia di sinistro sfiorando il palo. I padroni di casa si rendono pericolosi con le lunghe rimesse laterali di Tiraferri, al 15' Boi corregge di testa ma manda la sfera sul fondo. L'Albalonga si rende pericoloso al 16' quando Pippi fa la sponda per Massella che, sempre di testa, impegna Monni. L'arbitro minaccia di fischiare il rigore alla prima maglia strattonata in area ma poi non agisce: al 20' Steri allunga la casacca di Panini suscitando le ire del capitano biancoceleste. Al 23' sponda di testa di Figos, sulla palla arriva Carrus che la rovescia nuovamente per il compagno, ancora un'inzuccata ma para Del Moro. Al 25' i neroverdi passano in vantaggio: Luigi Pinna recupera palla sulla trequarti difensiva e serve immediatamente Mesina, che trova Figos alla sua destra, l'attaccante non cerca di calciare di prima intenzione ma stoppa e controlla i movimenti in mezzo, sfera precisa per Carrus che gira imparabilmente di prima intenzione col destro. Quarto gol per il capitano il cui contributo sottoporta è sempre positivo. Il vantaggio dura lo spazio di 1': sulla palla in profondità per Pace chiude bene Luigi Pinna che rinvia ma colpendo il corpo del compagno di squadra (Tiraferri), la sfera viene raccolta da Massella che, tutto solo, batte Monni con un preciso rasoterra angolato. La squadra di Paba non si abbatte e si riporta avanti al 31': sul solito fallo laterale di Tiraferri, la palla danza nell'area piccola e diventa un flipper col tiro di Carrus deviato per poi essere scaraventata in rete dal falco Figos (nella foto). Al 38' il Castiadas recrimina per l'annullamento del gol del 3-1: Carrus serve Tiraferri che entra dentro il campo e allarga in fascia Serra, cross sull'altro palo dove Manca chiude bene di testa; per il primo assistente c'è la posizione irregolare dell'ex Olbia e l'arbitro annulla scatenando le proteste dei tifosi di casa. Ed è così che si passa dal possibile doppio vantaggio al pareggio, perché al 46' Pace prova a sfondare sulla corsia di sinistra, palla raccolta da Massella che pesca al centro Pippi libero di incrocia bene di testa per il 2-2. Ma le emozioni non sono finite qui, perché si riprende con palla servita subito a Mesina che stoppa di petto e, dai sedici metri, calcia di prima intenzione verso l'angolo basso alla destra di Del Moro, che in tuffo manda in angolo. Sugli sviluppi del quale c'è l'evidente trattenuta ai danni di Figos non rilevata dall'arbitro Mallardi che mette a tacere tutti fischiando la fine delle ostilità.

Nella ripresa l'Albalonga si presenta con tre novità: Follo, Succi e Paolacci per Sordi, Magliocchetti e Pucino, così Ferazzoli schiera la difesa a quattro e tre trequartisti dietro Pippi. Le modifiche funzionano ma non subito perché al 2' Carrus vede l'inserimento di Manca e lo serve benissimo, il mancino spara alto a pochi passi da Del Moro. Al 10' Pippi incrocia la palla di testa ma Monni blocca sicuro. Si gioca nella metà campo dei sarrrabesi che perdono in avanti un cardine come Figos sostituito all'ora di gioco da Daniel Manca. Mesina viene messo spesso in moto per le rapide transizioni e, in una, costringe Paolacci al fallo d'ammonizione per un tocco di mano. I laziali utilizzano il regista Barone che poi allarga sulle fasce, a destra per Follo e a sinistra per Succi. Paba rinforza il centrocampo con l'ingresso di Carboni per l'ammonito Serra. Il Castiadas offende con la solita giocata: al 35', sulla rimessa di Tiraferri, c'è la spizzata di Luigi Pinna ma sul secondo palo non si vede una maglia neroverde pronta alla deviazione in porta. Nel finale l'Albalonga prova a forzare i tempi e si procura alcuni corner pericolosi. Poi al 43' Monni respinge in tuffo il colpo di testa di Succi e copre bene il palo sull'incornata di Paolacci con la palla che finisce sull'esterno della rete. La supremazia territoriale non dà punti aggiuntivi oltre a quello del pareggio, l'Albalonga si accontenta a denti stretti e il Castiadas ricorda che all'appello potrebbe mancare un gol, forse, regolare. Domenica i sarrabesi saranno di scena sul campo dell'Anzio, fanalino di coda e pronto a giocarsi una fetta importante della stagione. 

 

CASTIADAS: Monni, A. Pinna, N. Manca, Serra (28' st Carboni), L. Pinna, Boi, Tiraferri, Carrus, Mesina, Figos (19' st D. Manca), Steri. A disp. Idrissi, Sau, Ciotti, Pinna, Melis, Moi, Camba. All. Massimiliano Paba.

ALBALONGA: Del Moro, Sordi (1' st Follo), Pace, Barone, Panini, Pucino (1' st Paolacci), Lommi, Magliocchetti (1' st Succi), Pippi, Fatati, Massella. A disp. Di Pietro, Novello, Capogna, Proietti, Corsetti. All. Fabrizio Ferazzoli (squalificato, in panchina Guido Taraborelli).

ARBITRO: Domenico Mallardi di Bari.

RETI: 25' pt Carrus, 26' pt Massella, 31' pt Figos, 44' pt Pippi.

NOTE: Ammoniti: Tiraferri, Figos, Carrus, Steri, Serra, D. Manca, Massella, Paolacci. Angoli: 4-6. Recupero: 1' + 3'. Spettatori: 100 circa.

In questo articolo
Squadre:
Giocatori:
Campionato:
Stagione:
2018/2019
Tags:
8ª giornata