Salta al contenuto principale
Federico Ruggiero, difensore, Guspini
Sarrabesi sul 3-0 in mezz'ora, ripresa emozionante

Il Guspini non si arrende mai e fa soffrire il Muravera, alla capolista basta un gol in più

Anche Guspini-Muravera si aggiunge alla lista degli emulatori del 4-3 stile Italia-Germania ma senza passare dai supplementari. E per di più con tre espulsioni che probabilmente hanno determinato il punteggio corposo ma di sicuro hanno reso più ingarbugliata la parte finale della gara quando i mediocampidanesi erano lanciati verso la grande rimonta da 0-3 a 2-3 e i sarrabesi comunque pronti a colpire per un nuovo allungo. Al triplice fischio esulta la capolista perché supera uno scoglio durissimo sulla tabella di marcia, sbotta di rabbia la terza forza del campionato inveendo contro l'arbitraggio per alcune decisioni sfavorevoli. Al netto degli errori nella direzione di gara, la squadra di Francesco Loi conferma di faticare ancora un po' sul piano del gioco ma di andare a segno con estrema facilità e quella di Marco Piras di essere una realtà importante per l'Eccellenza ma con una rosa corta per poter sognare di andare oltre una lotta per i playoff.

 

Formazioni. Stocchino è ancora out e Piras adatta ancora Marci prima punta, supportato dai trequartisti Mastromarino, Cherchi e D'Agostino, a centrocampo il duo Bodano-Ezeadi, in difesa viene abbassato Rotaru nella linea con Uccheddu, Damiano e Uliana a protezione di Pillitu. Loi deve rinunciare a Bruno e non rischia Meloni, in attacco c'è Nurchi aiutato da Cadau, Nieddu e Zinzula, in mediana Satta e Lepore, in difesa si ricostituisce la coppia Vignati-Gutierrez con Pes e Lampis esterni, in porta Floris.

 

Primo tempo. Il Guspini prende subito il comando del gioco ma il primo squillo lo dà Nurchi che parte in velocità, entra in area e conclude con un diagonale a fil di palo con Pillitu che tocca il tanto giusto per mandare la palla in angolo. Dalla bandierina Gutierrez stacca bene di testa sfiorando la traversa. Sull'altro fronte Floris respinge in tuffo il tiro-cross di Cherchi. C'è equilibrio e c'è agonismo, al 13' Nieddu fugge centralmente e costringe Ezeadi al fallo d'ammonizione. Dalla punizione scodellata in area, Zinzula va a terra toccato da Uccheddu, l'arbitro Dorillo indica subito il dischetto del rigore e ammonisce il difensore, un cartellino giallo che il capitano biancorosso pagherà nella ripresa. Nieddu va alla battuta e spiazza Pillitu. Il gol fa male al Guspini che rischia di subire il raddoppio al 20' quando Satta manda incredibilmente alto una palla all'altezza del dischetto del rigore. La gara si scalda con la gomitata di Bodano a Lepore, scatta il cartellino giallo. Poco dopo il numero 8 dei biancorossi calcia di collo pieno ma per Floris è uno scherzo bloccare la palla. Alla mezz'ora il Guspini riesce nell'intento di sfondare a destra, Rotaru va a rimorchio di Matromarino e crossa in modo pericoloso in area, la palla sfila dalla parte di D'Agostino ma Pes in anticipo spazza e poi tocca anche l'ex Castiadas che scatena altre proteste in campo e in tribuna. Ezeadi rischia il secondo giallo con l'entrata dura su Zinzula. Dalla punizione nasce il raddoppio del Muravera, sullo spiovente Uliana colpisce di testa ma indirizza la palla verso la propria porta con Nurchi ben appostato ad insaccare appoggiando di testa. Attimo di incertezza perché il secondo assistente solleva la bandierina per un fuorigioco che non c'è e l'arbitro corregge l'errore confermando il gol. La capolista affonda con spietatezza. Al 33' Lepore ruba palla a Marci, poi si scatena Nurchi che affonda a destra e serve un assist al bacio per il 2000 Zinzula che gira a rete e festeggia il primo gol in Eccellenza. I biancorossi sono volenterosi, guadagnano qualche punizione laterale, creano uno scompiglio in area con Marci e D'Agostino senza che nessuno dei due trovi lo spazio per la battuta a rete. Il finale alimenta altre polemiche con D'Agostino che cade in area colpito all'orecchio. 

 

Secondo tempo. Per chi pensa ad una goleada Muravera rispondono Cherchi e D'Agostino dopo neanche un minuto: il primo verticalizza facendo passare una palla in mezzo alle gambe di Vignati e il secondo batte Floris in uscita con un delizioso esterno sinistro. Il gol rianima i biancorossi subito al tiro con Bodano (para Floris) ma i sarrabesi rispondono con il colpo di testa di Gutierrez alto sulla traversa. Loi cerca ordine in mezzo al campo e toglie l'ammonito Lepore per La Vista: Nieddu impegna Pillitu con un fendente dai 25 metri. Ma il Guspini al 13' trova il secondo gol con D'Agostino che sfrutta l'imbucata di Marci per eludere l'uscita di Floris e depositare la palla in rete col destro. I biancorossi sentono aria di "remuntada" subito spazzata via dalla decisione di Dorillo che ammonisce Uccheddu per fallo su Nurchi non accorgendosi che è l'attaccante gialloblù a tenere per primo la maglia del capitano biancorosso. Entra Ruggiero per Mastromarino e Nieddu batte la punizione, Pillitu respinge lateralmente, sulla palla si avventa Nurchi che, sulla linea di fondo, la rimette in gioco di tacco per il diagonale vincente di Cadau. Festeggia l'ex Nuorese e protestano vivacemente ancora i mediocampidanesi perché la palla raccolta da Nurchi sarebbe oltre la linea. Loi manda in campo Viani (ex e grande protagonista lo scorso anno della cavalcata-salvezza del Guspini) e poi Meloni cercando la goleada. Alla mezz'ora gran numero di Marci che addomestica la palla in anticipo su Gutierrez e spara un missile con traiettoria appena sotto l'incrocio, Floris vola e manda in angolo da campione. Applausi per entrambi. Meloni cerca la fuga giusta, quando sembra trovarla al 31' ci pensa Uliana, passato centrale, a fermare il bomber dei sarrabesi. Al 37' Rotaru da destra mette una palla in area, Ezeadi di testa manda oltre la traversa. Entra Dessena per Satta ma i gialloblù perdono un filtro importante. Al 39' Guspini vicino al gol con il cross radente di Ezeadi per Ruggiero che gira di destro di prima intenzione (nella foto) ma la palla fa la barba al palo. Il finale si movimenta al 42' quando, sul colpo di testa di Ezeadi in seguito all'angolo di Cherchi, c'è la respinta col basso ventre di Cadau sulla linea, il secondo assistente vede un tocco di mano, Dorillo lo consulta e decide di assegnare il rigore ed espellere Cadau. Ci perde il Muravera perché Marci trasforma il penalty del 3-4 e in campo torna la parità numerica. Che dura però lo spazio di trenta secondi perché Viani viene steso al limite da Rotaru, cartellino rosso anche al classe 2000. Vignati manda alle stelle la punizione. In nove contro dieci il Guspini ha la possibilità di arrivare all'incredibile 4-4 al 46' quando Marci cerca di risolvere una mischia e indirizza la palla nell'angolino ma salva La Vista appostato sul palo. Esce Gutierrez per un problema alla spalla. La gara si chiude con la fuga di Meloni fermata da Pillitu. Il Muravera vince la quinta gara su sei e vola a 16 punti, il Guspini resta inchiodato a quota 10 ma mercoledì a Tortolì dovrà fare a meno di Uccheddu, Rotaru e Bodano (out per quinta ammonizione). 

I commenti a fine gara dei tecnici Marco Piras e Francesco Loi e dei giocatori Angelo Marci e Mattia Zinzula nella sezione video 

 

GUSPINI: Pillitu, Rotaru, Uliana, Damiano, Ezeadi, Uccheddu, Cherchi, Bodano, Mastromarino (16' st Ruggiero), Marci, D'Agostino. A disp. Massa, Melis, Frongia, Vercelli, Volpe, Oliva, Brignone, Fogli. All. M. Piras.

MURAVERA: Floris, Pes, Lampis, Lepore (11' st La Vista), Vignati, Gutierrez (48' st Massessi), Cadau, Satta (38' st Dessena), Nieddu (25' st Viani), Zinzula, Nurchi (29' st Meloni). A disp. Casula, Kujabi, Puddu, Cocco. All. Francesco Loi.

ARBITRO: Nicolò Dorillo di Torino.

RETI: 14' pt Nieddu (rig), 31' pt Nurchi, 33' pt Zinzula, 2' st D'Agostino, 13' st D'Agostino, 17' st Cadau, 43' st Marci (rig).

NOTE: Espulsi al 14’ st Uccheddu, al 42’ st Cadau e al 45’ st Rotaru. Ammoniti: Ezeadi, Bodano, Lepore, Nieddu, Pes. Angoli: 7-4. Spettatori: 200 circa. 

 

In questo articolo
Squadre:
Giocatori:
Campionato:
Stagione:
2018/2019
Tags:
6ª giornata