Salta al contenuto principale
Davide Incerti, centrocampista, Olbia
Poker bianconero e gara segnata dopo 5' coi gol di Guerra e Hasa

Per l'Olbia è notte fonda, la Juventus Next Gen travolge i bianchi al Nespoli

Un mercoledì completamente da dimenticare per l'Olbia surclassata al Nespoli dall'ottima Juventus Next Gen capace di dominare l'incontro sin dai primi minuti con i due gol di Guerra e Hasa dopo appena 5', il tris di Sekulov poco prima dell'intervallo e il poker di Cerri ad inizio ripresa. Notte fonda per la squadra di Gaburro che solo nel finale ha avuto un sussulto d'orgoglio sfiorando più volte il gol della bandiera. La classifica dei bianchi si fa sempre più compromessa con il playout al momento fuori portata visti gli attuali dieci punti di distacco dalla Spal quando si annulla con almeno 8 punti di svantaggio.

 

La gara. La Fermana ha perso nel pomeriggio e l'Olbia scende in campo sapendo che non perderà il penultimo posto con 22 punti (+2 sui marchigiani) ma avendo vinto l'Ancona si allunga la forbice con la quintultima. L'avvio del match è un incubo per i galluresi, sotto di due gol già dopo cinque minuti. Al 3' Sekulov è imprendibile sulla fascia destra, supera di slancio Arboleda, entra in area e serve l'assist facile per Guerra che appoggia la palla in rete quasi sulla linea di porta. Al 5' c'è la prodezza di Hasa che impatta la palla con un collo destro al volo infilandola sotto l'incrocio dei pali. L'uno-due manda al tappeto la squadra di Gaburro che, al 14', rischia di subire il terzo gol sugli sviluppi di un angolo: palla spizzata da Cerri che poi arriva sui piedi di Muharemovic, rasoterra sul quale si oppone Rinaldi mandando la sfera ancora in corner. I padroni di casa cercano di reagire andando al tiro con Ragatzu, Dessena e Incerti (nella foto OlbiaCalcio/Sandro Giordano) ma Daffara non corre pericoli. Sono ancora i bianconeri ad avvicinarsi al gol, al 29' Sekulov centra il palo con un colpo di testa sul traversone di Guerra. L'attaccante nato a Piacenza da genitori macedoni si rifà al 42' quando addomestica col sinistro la palla di Perotti e di destro, al volo, la infila sul palo più lontano. Nulla da fare per Rinaldi e Olbia sotto di tre gol all'intervallo. 

I bianchi tornano in campo con due novità, Gaburro mette dentro Gennari e Scaringi per Incerti e Arboleda. Subito c'è lo scatto di Ragatzu sulla verticale di Catania ma Daffara esce e neutralizza l'avanzata del numero dieci. Alla prima occasione la Juve cala il poker, al 6' Guerra serve Cerri che infila Rinaldi in diagonale. Notte fonda per i galluresi e arrivano altri due cambi, con Zanchetta e Zallu al posto di Ragatzu e Dessena. Brambilla gestisce le forze e manda in campo prima Iocolano e Da Graca al posto di Sekulov e Guerra, poi Stramaccioni e Palumbo subentrano a Muharemovic e Hasa. Oramai la gara è già andata ma l'Olbia cerca il gol della bandiera ma Nanni, al 33', sulla sponda del neoentrato Scapin viene anticipato da un difensore bianconero. Rinaldi non si fa sorprendere sul colpo di testa di Cerri. Nanni vuole il gol, al 36' è dentro l’area quando calcia con ritardo e si fa ribattere la palla che poi viene bloccata da Daffara. Nel finale un po' d'orgoglio dei bianchi. Scapin, di testa, chiama Daffara alla risposta in tuffo. Poi Montebugnoli ha una buona iniziativa che termina con un tiro deviato in angolo, sugli sviluppi del quale Zanchetta va al tiro col destro ma palla ancora deviata sul fondo. Si giocano solo 2' di recupero e al triplice fischio la Juventus Next Gen quasi doppia come punti l'Olbia.  

 

OLBIA: Rinaldi; Arboleda (1' st Scaringi), Bellodi, Palomba, Montebugnoli; Dessena (11' st Zallu), Incerti (1' st Gennari), La Rosa; Ragatzu (11' st Zanchetta); Catania (24' st Scapin), Nanni. A disp. Van der Want, Mordini, Mameli, Fabbri, Guidotti, Motolese, Bianchimano. All, Marco Gaburro

JUVENTUS NEXT GEN: Daffara; Stivanello, Muharemovic (23' st Stramaccioni), Savona; Rouhi (31' st Turicchia), Salifou, Hasa (23' st Palumbo), Perotti; Guerra (16' st Da Graca), Cerri, Sekulov (16' st Iocolano). A disp. Zelezny, Scaglia, Pedro, Mbangula, Comenencia, Bonetti. All. Massimo Brambilla

ARBITRO: Fabio Rosario Luongo di Napoli

RETI: 3' pt Guerra, 5' pt Hasa, 42' pt Sekulov, 6' st Cerri

NOTE: Ammoniti: Montebugnoli, Arboleda, Da Graca. Recupero: 0' + 2'.  

In questo articolo
Campionato:
Stagione:
2023/2024
Tags:
30ª giornata