Salta al contenuto principale
Luca Concas, allenatore, Muravera
«Col S.Teodoro non contano i precedenti, sereni per dare il massimo»

Il Muravera all'ultimo bivio-salvezza, Concas: «Ci davano per spacciati e siamo qui a giocarci la stagione, non abbiamo fatto niente, manca ancora un passaggio»

Da una parte c'è la tradizione favorevole fatta di vittorie a San Teodoro, dall'altra una gara oggettivamente difficile perché nel playout di domenica non c'è alternativa alla vittoria per la salvezza. Il Muravera è arrivato all'ultimo bivio della stagione con uno stato d'animo di chi ha scampato un grande pericolo, quello della retrocessione diretta, di questo ne è consapevole la squadra e Luca Concas, chiamato dal presidente Aresu ad affiancare il tecnico Alessandro Franco per sostituire il dimissionario mister Piras: «Quando Marco si è dimesso a fine gennaio eravamo a pari punti con il San Teodoro e la salvezza diretta era alla nostra portata, non facendo risultati le cose si sono progressivamente complicate fino ad esser noi i meno favoriti per disputare il playout visto il calendario più favorevole della Torres. Vincendo a Ostia abbiamo eliminato l'avversaria che ci avrebbe potuto portare a disputare uno spareggio per accedere al playout, siamo stati tutti felici ma ancora manca l'ultimo passaggio. Personalmente sono contento di questo mezzo risultato raggiunto, se dovessimo aggiungere l'altra metà qualcuno parlerà di miracolo e qualcun alto potrebbe anche dire: "Ci mancherebbe che si siano salvati". Se avessimo vinto all'esordio in panchina mio e di Alessandro contro l'Avezzano sono convinto che non perdevamo la gara successiva con la Flaminia. L'obiettivo playout può non essere positivo ma, alla luce di quello che si pensava ad inizio aprile, direi che è buonissimo perché siamo ancora in ballo per la salvezza».

 

Come state fisicamente e mentalmente?

«Un mese e mezzo fa, dopo il pareggio interno contro il Latte Dolce, la situazione era molto critica e ci davamo tutti per spacciati perché ci aspettava un calendario proibitivo dovendo incontrare quattro delle prime cinque squadre della classifica. Il pareggio a L'Aquila prima e quello a Rieti poi sono state delle mezze vittorie anche perché proprio il giorno a Rieti abbiamo guadagnato un punto sulla Torres che aveva perso in casa contro la Flaminia, in quella giornata era data per scontata una nostra sconfitta e il sorpasso dei sassaresi. Quest'ombra ci ha accompagnato per tutta la settimana sino al momento della gara, che è stata incredibile con l'espulsione di Dessena dopo 8' della ripresa, i miracoli del nostro portiere Arrus, loro che sbagliano il rigore a mezzora dalla fine. Certo è che se avesse vinto la Torres avrebbe cambiato tutto, invece quello 0-0 strappato con le unghie ci ha dato una grande spinta»

Quel pari ha poi determinato le ultime due vittorie?

«I pareggi in trasferta, contro due corazzate, sono stati punti importantissimi per il morale, dicevo da tempo che non raccoglievamo quanto meritavamo, la fortuna ci aveva ridato ciò che ci aveva tolto. Sapevo anche che il Lanusei, sebbene già salvo, se la sarebbe giocata, come poi ha fatto, e che l'Ostia puntava a difendere il quarto posto nei playoff. Contro i lidensi siamo stato un po' fortunati se pensiamo al palo che hanno colpito nel recupero ma anche molto bravi per la prestazione mentale e fisica fatta. Queste ultime due vittorie hanno inciso sul morale, il clima è molto buono»

Come vi state avvicinando alla sfida che vale tutta una stagione?

«C'è la giusta concentrazione negli allenamenti, il che mi fa pensare che ci sarà il giusto approccio alla gara. Domenica non conteranno più la storia della stagione, i precedenti a noi favorevoli o gli ultimi risultati fatti da entrambi. Bisogna avere la determinazione e la testa giusta, gli episodi possono cambiare il corso della gara, in questi giorni ho visto i giocatori sereni, il presidente ci infonde grande fiducia, i ragazzi sono seri e la tensione per l'importanza della gara è bene trasformarla in stimolo per giocarcela al massimo. Quando poi stai bene con la testa tiri fuori energie che in altri momenti pensi di non avere»

Ci potrebbe essere qualche similitudine con la gara di campionato ad inizio marzo?

«C'era in entrambe un po' di paura per l'alta posta in palio visto che noi arrivavamo da quattro sconfitte di fila e loro da un pareggio di Avezzano dopo tre ko. Ricordo che prima di quella gara saremmo andati via felici con un pareggio, per come si è poi sviluppata la gara quell'1-1 subito a 3' dalla fine ci amareggiò molto, una vittoria prima della sosta (per il torneo di Viareggio e per la gara non giocata col Foligno, ndr) ci avrebbe dato una grossa spinta, lì però siamo stati bravi perché il pari poteva buttare giù il gruppo che invece reagì bene lo stesso»

Se quell'1-1 si riverificasse domenica sarebbe letale per voi

«Ci condannerebbe in parte, dobbiamo pensare che un risultato di parità al 90' ci darebbe altri due tempi supplementari e 30' di gioco per tentare di vincere. È difficile valutare cosa potrà succedere domenica, siamo sfavoriti in questa sfida perché giochiamo in trasferta e per un solo risultato ma consapevoli che abbiamo tante carte da giocare. Quell'1-1 ci aveva dato fiducia e fatto capire che il San Teodoro è sì un avversario da rispettare ma pur sempre alla portata del Muravera»

 

In questo articolo
Squadre:
Campionato:
Stagione:
2016/2017
Tags:
Playout

Archivio articoli in evidenza