Salta al contenuto principale
Diego Pinna, attaccante, Villacidrese
Bruno e Pinna: «Ci siamo tolti un peso, ora tutte finali»

La Villacidrese esulta dopo tre mesi, Mannu: «Finalmente una vittoria, il gruppo è sempre stato unito»

Dall'arrabbiatura per la sconfitta di domenica contro il Lanusei giunta su un calcio di rigore molto contestato, alla vittoria per 2-0 col Sant'Elena nel recupero. La Villacidrese torna alla vittoria dopo tredici turni (l'ultima volta fu un 5-0 in casa col Monastir a fine ottobre), tira una grande boccata d'ossigeno in classifica mollando il quint'ultimo posto e si prepara al rush finale per la salvezza con ritrovato entusiasmo e autostima. 

 

Graziano Mannu, allenatore Villacidrese

«Mi ero dimenticato cosa volesse dire gioire per una vittoria. I ragazzi sono stati bravi e sono contento per loro perché nelle ultime dieci partite, forse uno o due abbiamo meritato di perdere.  La strada per raggiungere l'obiettivo è molto lunga, ci rimangono nove finali da giocare col coltello tra i denti, ci vuole la forza e la voglia di vincere messa con Sant'Elena e Lanusei altrimenti non ci si salva. Siamo partiti troppo bene in campionato, squadra giovane e quasi del tutto ricostruita, probabilmente è andato a scemare quello che era l'obiettivo stagionale e, quando vengono meno certe caratteristiche, rischi di perdere con chiunque. Credo ora si sia ripresa la strada giusta e speriamo di continuare così. In questi mesi il gruppo è sempre rimasto unito, la società sempre presente e ad incoraggiarci. Eravamo consapevoli che ne saremmo venuti fuori. Adesso contano le motivazioni, incontriamo la Ferrini, una grande squadra che si è ripresa dopo un avvio di campionato non tanto positivo e, come detto, sarà per noi una finale».

 

Totò Bruno, difensore e capitano Villacidrese

«È stata durissima in termini di punti e mentalmente, 13 partite senza vincere è tantissimo. Ci voleva per sbloccarci da questo lunghissimo periodo in cui venivamo puniti al primo errore. C'era la sensazione che fosse la giornata giusta anche se nel primo tempo il gol non è arrivato ma, nell'intervallo, c'era la consapevolezza che, continuando così, in un modo o nell'altro sarebbe arrivato. In questi casi si può anche essere brutti ma efficaci, non per forza quando sei in condizioni di classifica brutte devi giocare bene, specie quando sei sul 2-0 in casa. Contro la Ferrini sarà un'altra gara durissima ma noi dobbiamo guardare al nostro obiettivo e giocare ogni partita alla morte, ancora è molto lunga e i conti si potranno fare alla fine» 

 

Diego Pinna, attaccante Villacidrese

«Abbiamo attraversato un periodo molto pesante, in molte partite meritavamo noi ma il calcio non sempre va per il verso giusto. Forse c'è servito giocare tre giorni dopo la sconfitta col Lanusei, eravamo carichi ma avevamo anche paura di scoprirci, però ci siamo detti di giocare a viso aperto perché la vittoria mancava da troppo tempo e bisognava rischiare. Sono contento per l'assist e il gol, lo dedico a mio nonno Ottavio, ma mi interessava solo che vincessimo noi così ci saremmo tolti un peso, poi poteva segnare chiunque. Siamo sempre rimasti uniti nello spogliatoio, questa vittoria aiuta per lo spirito. Con la Ferrini si andrà per vincere» 

In questo articolo
Campionato:
Stagione:
2022/2023