Salta al contenuto principale
Mauro Giorico, allenatore, Arzachena
Il difensore Moi: «Il 4-0 ci fa rimettere i piedi a terra»

Arzachena, Giorico cancella il ko: «Non siamo questi, ci siamo fatti male da soli. Col Pontedera servono punti, la salvezza senza playout»

La gara dell'Arzachena è durata 1' e il 4-0 col Pro Vercelli è un concentrato di errori che il tecnico Mauro Giorico sciorina nei corridoi del Silvio Piola: «Il gol a freddo ci ha sicuramente condizionato, avevamo preparato un'altra partita e abbiamo dovuto cambiare i piani tattici per cercare di riprenderla ma non siamo incisivi, c'è mancato qualcosa». Un risultato maturato dai tanti errori: «Ci siamo fatti male da soli regalando il corner del primo gol dopo 1', sul secondo potevamo chiudere meglio in mezzo all'area perché ci può stare che arrivi una palla dal fondo ma ci deve essere l'anticipo di un nostro difensore. Siamo andati al riposo sul 2-0 e al 10' della ripresa abbiamo combinato la frittata perché il portiere è in vantaggio sulla palla, sbatte sul compagno e la perde per il gol a porta vuota. Arrivavamo da quattro vittorie e un pareggio e non siamo questi visti con la Pro Vercelli, dobbiamo archiviare questa sconfitta e pensare subito alla gara contro il Pontedera perché abbiamo assolutamente necessità di fare punti per poterci salvare». L'obiettivo è chiaro: «Noi dobbiamo arrivare alla salvezza senza passare dai playout ma per farlo dobbiamo fare dei punti, mancano 7 gare tra cui quella con il Pro Piacenza che non si disputerà e dalla quale avremo il 3-0, poi due trasferte con Gozzano e Siena. Nelle quattro gare in casa dovremo fare i punti per venirne fuori».

 

Anche l'esperto difensore Davide Moi recita il mea culpa per una sconfitta non prevista sicuramente in queste proporzioni: «Siamo partiti in svantaggio per demerito nostro e ora commentiamo una sconfitta per 4-0 che ci riporta indietro di qualche mese. Troppi errori in difesa, centrocampo e attacco, non era l'Arzachena delle ultime partite, un risultato che ci fa rimettere i piedi a terra, in settimana bisogna lavorare a testa bassa perché ora avremo uno scontro salvezza importante. Con merito non avevamo subito gol per quasi 500', ora ne prendiamo 4 con grande demerito, dobbiamo fare un esame di coscienza tutti quanti. Con grande umiltà dobbiamo tornare ad essere l'Arzachena capace di fare quelle gare importanti».

In questo articolo
Squadre:
Allenatori:
Campionato:
Stagione:
2018/2019
Tags:
31ª giornata