Salta al contenuto principale
Giuseppe Meloni, attaccante, Muravera
Per Monastir e Porto Rotondo bis di vittorie

Coppa Italia con poche sorprese: ai quarti accedono Muravera, Nuorese, Sorso e Atletico Uri, il Samassi è corsaro ad Arbus

La Coppa Italia di Eccellenza completa il turno degli ottavi di finale senza grandi sorprese: Muravera, Nuorese e Sorso fanno il bis di vittorie e legittimano una certa supremazia nei confronti di Tortolì, Tonara e Bosa; stesso percorso per Monastir e Porto Rotondo che festeggiano il successo in casa dopo quelli in trasferta contro Ferrini e San Teodoro. Altisonante affermazione dell'Atletico Uri che annichilisce lo Stintino con 6 gol dopo il pari a reti inviolate di sette giorni fa che non lasciava presagire una differenza simile. Nell'unico triangolare della competizione, con il Guspini già stato eliminato, l'Arbus non sfrutta il proprio turno casalingo e lascia il passo al Samassi che passa con due vittorie in quattro giorni. Nell'unico anticipo di giornata il Taloro aveva fatto fuori il Ghilarza con un gol al 90' di Falchi. Ai quarti di finale del 21 novembre e 5 dicembre saranno questi gli accoppiamenti: Sorso-Atletico Uri, Porto Rotondo-Nuorese, Taloro-Muravera e Monastir-Samassi.

 

BOSA-SORSO 1930 (and 0-2) 0-3

Non c'è il due senza il tre, e così il Sorso cala il tris di reti a Bosa dopo il 2-0 dell'andata. Protagonista, come sette giorni fa, il solito Michele Pulina che, superata la mezz'ora, firma ancora una doppietta sbloccando su calcio di rigore e poi ribadendo in rete una palla giunta dalla fascia dall'imprendibile Alessio Delrio. Nella ripresa le cose si complicano ulteriormente per i planargesi perché dal 20' restano in dieci per l'espulsione di Mastinu, così Altea prima fallisce il tris e poi lo sigla con un eurogol (gran botta dai trenta metri). La squadra di Scotto è solida e sta bene fisicamente, i rossoblù di Carboni devono recuperare qualche pedina e cambiare subito marcia con il campionato alle porte.

BOSA: Sechi, Dettori, Di Angelo, Depalmas, M. Ledda, Mastinu, Spada, Mulas, G. Pinna, S. Carboni, R. Carboni. All. Salvatore Carboni.

SORSO 1930: A. Secchi, M. Secchi, Cocco, Ruggiu, Chessa, Merenda, Delogu, Fois, Pulina, Altea, A. Delrio. All. Pierluigi Scotto.

ARBITRO: Gatta di Sassari.

RETI: 33' pt Pulina (rig), 43' pt Pulina, 28' st Altea.

NOTE: Espulsi al 20' st Mastinu. Ammoniti: Delogu, Pulina, G. Pinna.

 

STINTINO-ATLETICO URI (and 0-0) 1-6 

L'anno scorso il doppio pari premiò l'Uri che, questa volta, libera i freni e segna sei gol senza dare scampo allo Stintino incapace di ripetere la prova gagliarda di sette giorni prima. I giallorossi mettono le cose in chiaro nel primo tempo andando a segno nella prima mezz'ora con Matteo Tedde in contropiede, poi Sini sugli sviluppi di un corner ed infine Cuccu in volata con partenza in sospetta posizione di offside. La squadra di Levacovich reagisce con la bella rete di Spano e poi non trova il bis con Serra (bravo Sotgia). Nella ripresa il punteggio assume contorni tennistici perché in appena 6' vanno a segno ancora Matteo Tedde e Cuccu e poi Palitta appena entrato al posto della punta algherese. I finalisti della scorsa edizione avanzano e nei quarti sarà scontro col Sorso.

STINTINO: Selva, Bassanetti (20' st M. Fois), A. Fois, Sias, Valenti, Congiu, Serra (10' st Desole), Cardone (30' st Souare), Coghene (40' st Pilo), Spano, Viale (45' st Angioni). A disp. Falchi, Muglia. All. Fabio Levacovich.

ATLETICO URI: Sotgia, Puledda, Marco Tedde, Mereu, Sini, Fadda, Puddu (15' st Sanna), Piras, Cuccu, Matteo Tedde (30' st Palitta), Libi (15' st Livesi). A disp. Maggino, Galante, Pazzola, Cau, Fenu, Frongia. All. Peppone Salaris.

ARBITRO: Bognolo di Olbia.

RETI: 12' pt Matteo Tedde, 29' pt Sini, 32' pt Cuccu, 35' pt Spano, 25' st Matteo Tedde, 27' st Cuccu, 31' st Palitta. 

 

 

PORTO ROTONDO-S.TEODORO (and 2-0) 3-1

Nessuna sorpresa e il Porto Rotondo legittima la vittoria dell'andata con un altro successo dopo quello ottenuto a San Teodoro. Si scatena l'ex Kozeli che apre e chiude le ostilità ma i viola di Pittalis hanno comunque retto botta pareggiando con un bel gol di Scano prima di andare sotto all'intervallo per la rete di Mulas. Gli olbiesi di Marini si confermano in buona forma e pronti all'esordio in campionato mentre i teodorini riposeranno e potranno sfruttare i giorni di allenamento per crescere di condizione e chiudere qualche altra trattativa di mercato. 

PORTO ROTONDO: Melis, Deiana, Laconi, Rassu (21' st Fiori), Budroni, Usai, Loddo (36' st Piemonte), Muroni (27' st Nieddu), Mulas (30' st Fresi), Saggia, Kozeli (38' st Mascia). All. Simone Marini.

SAN TEODORO: Corsi, Bazzu, Ferraro, Catalano, Orecchioni, Moro, Cavallaro, Spina (27' st Pasella), Murgia, Scano, Castelluccio (37' st Malatesta). All. Giovanni Pittalis.

ARBITRO: Stefano Selva di Alghero.

RETI: 9' pt Kozeli, 18' pt Scano, 43' pt Mulas, 40' st Kozeli.

 

TONARA-NUORESE 1930 (and 0-2) 1-2

La Nuorese concede il bis e passa ai quarti, e il bis lo concede anche Fabio Cocco che, dopo la doppietta del Frogheri, segna anche nel campo che fu suo per mezza stagione nel 2015-16. Alla mezz'ora il capitano verdazzurro rompe l'equilibrio facendo secco Spanedda il quale si riscatta su Calvisi prima dell'intervallo. L'esterno classe 2000 si rifà nella ripresa sfruttando al meglio l'assist di Cocco per il raddoppio. I rossoneri di Tamponi dimezzano lo svantaggio con Giovanni Murgia. 

TONARA: Spanedda, E. Poddie, Saias, Frau, Zefi, Foglia, Vacca (33' st Fois), Bonamici, Murgia, Boi, Lecca. A disp. Bagnara, Trogu, Tore, Moro, Cadau, Dearca, Sansone, Lai. All. Michele Tamponi.

NUORESE: Peppas, Rosano, Russu, Illario, Nanni, Balla (29' st Vatieri), Calvisi, Rolandone, Galeadis, Okonkwo, Cocco. A disp. Ruggiu, Flavioni, Orecchioni, Gallo, Alfano, Sanna, Menestrina, Bussu. All. Fabio Fraschetti.

ARBITRO: Francesco Mulargia di Cagliari.

RETI: 30' pt Cocco, 19' st Calvisi, 25' st Murgia. 

 

TALORO GAVOI-GHILARZA (and 1-1) 1-0

Una rete di Pierpaolo Falchi al 90' dà la vittoria e la qualificazione al Taloro al quale bastava comunque lo 0-0 visto il pareggio dell'andata con rete ancora della punta nuorese. Il Ghilarza deve abbandonare la competizione nonostante si sia battuto fino alla fine per cercare quella rete per l'approdo ai quarti. Una soddisfazione per i barbaricini di Marchi che ora affronteranno il Muravera di Loi.

TALORO GAVOI: M. Pili, Zedda, Pitta (33' st Soro), Mastio, L. Pili, Isoni (29' st Dettori), Secchi, Sedda, Calaresu, Falchi, Littarru. A disp. Tilocca, Zedda, A. Pinna, Bettere, R. Lai. All. Romano Marchi

GHILARZA: Fadda, Frau, S. Oppo, Cossu, Chergia, Dessolis, Atzei, Demurtas, Ibba, Pinna, Manca. A disp. Fanari, R. Oppo, Marras, Girseni, Caddeo, Ena, Noli. All. Giovannino Mura

ARBITRO: Marco Casula di Ozieri.

RETI: 45' st Falchi.

 

MURAVERA-TORTOLI 1953 (and 2-1) 5-3

Sembrava una qualificazione chiusa dopo il successo dell'andata e, invece, nei primi 9' il Muravera suda freddo perché il Tortolì piazza l'uno-due con Gennari e Mattias Meloni (su rigore) e ribalta l'esito della qualificazione ma poi, in appena 2', prima Giuseppe Meloni (nella foto con Nurchi) e poi l'ex Nieddu su rigore ristabiliscono la parità. In campo, però gli ogliastrini sono con l'uomo in meno per l'espulsione del neo-acquisto Usai in occasione del penalty. La squadra di Ibba riesce addirittura ad andare all'intervallo in vantaggio grazie a Gennari che fa secco Casula con un diagonale. Ma la rosa gialloblù è vasta e importante, entra Nurchi e spinge i sarrabesi alla vittoria perché serve due assist all'implacabile G. Meloni che poi va ancora in gol su servizio di La Vista. Lo score del bomber nuorese è di 6 gol in 2 gare, poi mister Loi dà spazio ad altri senior come Dessena, Satta e Massessi più il giovane Soro. Il Tortolì lascia a testa alta la competizione. 

MURAVERA: Casula, Pes (29' st Soro), Puddu, Lepore (18' st Satta), Vignati, Bruno, Cadau, Viani (7' st Nurchi), Nieddu (17' st Dessena), La Vista (34' st Massessi), G. Meloni. All. Francesco Loi.

TORTOLÌ: Della Luna, Ladu (13' st Lai), Novelli (34' st Monni), D'Agostino, Alessandrì, Usai, Ankudinovas (25' st Orrù), Fois, Gennari (47' st Aversano), Melis (42' st Nurchis), M. Meloni. All. Gianfranco Ibba.

ARBITRO: Argiolas di Cagliari.

RETI: 1' pt Gennari, 9' pt M. Meloni (rig), 21' pt G. Meloni, 23' pt Nieddu (rig), 43' pt Gennari, 8' st G. Meloni, 10' st G. Meloni, 17' st G. Meloni.

 

MONASTIR KOSMOTO-FERRINI CAGLIARI (and 2-0) 2-1

Il Monastir concede il bis e avanza in Coppa Italia facendo il pieno di autostima. Per la Ferrini era dura riaprire i discorsi dopo lo 0-2 dell'andata ma ci ha provato con applicazione. Nel primo tempo rete annullata a Lai per fuorigioco, un peccato perché la semi-rovesciata era spettacolare. Ma la squadra di casa si conserva le marcature nella ripresa e sono pregevoli: prima un sinistro al volo di Luca Melis e poi un sinistro a giro con palla all'incrocio di Lai, in mezzo il momentaneo pareggio di Podda con sfera deviata da Falchi e che inganna Zanda. I cagliaritani reclamano per un rigore non concesso (fallo di mano in area) sul 2-1, poco dopo i campidanesi fanno il tris con Anziani annullato incomprensibilmente per fuorigioco, il neo-acquisto verrà anche espulso per proteste. 

MONASTIR KOSMOTO: Zanda, Poddesu, Aramu, Falchi, Porcu, Ruggeri (22' st Ledda), Camara (7' st Delogu), Melis (26' st Anziani), Festa (43' st Tronci), Lai (40' st Mattana), M. Piras. A disp. Cuccu, S, Piras, Cabras, Asunis. All. Nicola Manunza.

FERRINI CAGLIARI: Tronci, N. Argiolas (43' st Seoni), Piselli, Cherchi, Bonu, Pilloni (22' st Mudu), Cuccu (34' st Pilia), Aresu (22' st M. Argiolas), Podda, Sigismondo, F. Argiolas (29' st Sanna). A disp. Lai, Cappai, Serra, Melis. All. Enzo Zottoli.

ARBITRO: Eleonora Pili di Cagliari.

RETI: 15' st Melis, 35' st Podda, 38' st Lai.

 

ARBUS-SAMASSI 0-1 [Classifica triangolare: Samassi 6 punti; Arbus 3; Guspini 0]

Ultima sfida del triangolare necessariamente condizionata dalle precedenti gare di Arbus e Samassi fatte col Guspini, entrambe vinto ma con la squadra di Busanca avanti nel confronto per il maggior numero di gol fatti (2 contro 1) vista la parità nella differenza reti (+1). Ed è chiaro che i granata di Agus hanno fatto la partita protesi alla ricerca di quel gol che non è mai arrivato per imprecisione e sfortuna. I tanti ex in campo e la voglia di andare avanti verso un altro turno sulla carta non proibitivo ha permesso al match di essere sentito e palpitante. Fino alla fine era tutto in bilico poi ci ha pensato il gol di Scintu, sugli sviluppi di un angolo, a decidere il terzo derby del Medio Campidano. Per i padroni di casa ha debuttato Recano (squalificato all'andata) e per gli ospiti Caddeo (assente mercoledì per l'influenza). Questo terzetto di squadre sarà comunque protagonista in campionato per ambire a ben oltre la salvezza. 

ARBUS: Toro, Spina (13' st Atzori), Falciani, Paulis, Recano, Konate (9' st Nynyang), Congiu, B. Floris (45' st L. Floris), Atzeni, Malandra, Nunez (33' st Lilliu). All. Nicola Agus.

SAMASSI: Atzeni, Massa, Bratzu, Sogus, Scintu, Uccheddu, Zedda, Angheleddu, Suella (42' pt Anedda), Caddeo (45' st Pinna), Podda (30' st Muscas). All. Paolo Busanca.

ARBITRO: Gabriele Caggiari di Cagliari.

RETI: 39' st Scintu.

In questo articolo
Squadre:
Giocatori:
Campionato:
Stagione:
2018/2019