Salta al contenuto principale
Il Lanusei tra il pari col Flaminia e la trasferta di Grosseto, Loi: «Due punti persi, ora vedremo di render la vita difficile ad una corazzata del girone»
«Un errore e subito puniti, ci servirà da lezione»

Il Lanusei tra il pari col Flaminia e la trasferta di Grosseto, Loi: «Due punti persi, ora vedremo di render la vita difficile ad una corazzata del girone»

Ancora senza vittorie ma pure imbattuto. L'approccio del Lanusei al campionato di serie D è senz'altro positivo perché all'esordio contro la Nuorese si è trovato ad inseguire un avversario in vantaggio di un gol e di un uomo (espulso Mattia Floris) e l'ha raggiunto grazie a Figos giocando tra l'altro senza due centrocampisti esperti della categoria come Marcello Angheleddu e Mirko Delrio, assenti per squalifica. Domenica scorsa, alla prima al Lixius e subito a segno ancora con Figos, è stato fermato da un Flaminia caparbio e cinico nello sfruttare - a 13' dal termine - una disattenzione difensiva degli ogliastrini che, nel frattempo, avevano mancato il gol del 2-0 per il pezzo di bravura del portiere avversario sul tiro ravvicinato di Curreli.

 

Francesco Loi vuole tenere l'imbattibilità anche a GrossetoDomani la matricola ogliastrina va di nuovo in campo e per la prima trasferta oltre Tirreno dei ragazzi di Francesco Loi c'è un avversario come il Grosseto, capolista non solitaria del girone perché fermata dalla Nuorese sul proprio campo sul 3-3. I toscani di Giacomarro hanno confermato un potenziale d'attacco di primissimo livello con Zotti e Palumbo (in gol contro i barbaricini), più Di Gennaro e Nappello inseriti sull'1-3 per provare e trovare la rimonta. Il tecnico del Lanusei conosce benissimo le difficoltà e le insidie del match: «Sarà dura, il Grosseto è una delle corazzate del girone, i loro attaccanti fanno il nostro budget di tutto l'anno. Però proveremo a rendergli la vita difficile». Una sfida che si sarebbe potuto giocare con la medesima classifica, il primato per il Lanusei era a portata di mano: «Per come si era messa la partita e per come abbiamo giocato sono due punti persi, è un gran peccato perché si poteva vincere. Ora dobbiamo riprenderci questi fuoricasa». Il doppio peccato commesso dagli ogliastrini è stato quello di aver mancato il gol del 2-0 e aver lasciato Giustarini colpire da solo in area di testa in occasione del pareggio. «Il loro portiere Nasti - ricorda mister Loi - ha fatto una parata incredibile sull'uno a zero a Curreli, respingendogli con un grande riflesso una bordata a botta sicura da un metro di distanza. Abbiamo commesso poi un errore difensivo e lo abbiamo pagato molto caro, ci servirà senz'altro di lezione anche se sono contento per aver fatto un ulteriore passo in avanti dopo la bella prova fornita a Nuoro. Il Flaminia non era affatto male, ha due ali molto buone e un bel centrocampo con un elemento esperto come Gay». In attesa dell'ingresso in campionato della Torres e che l'Olbia vista contro il Castiadas confermi lo stesso rendimento anche con le altre avversarie laziali, il tecnico di Loceri evidenzia le difficoltà che incontreranno gli altri club isolani: «Mi sembra che i valori siano chiari, diverse squadre sarde dovranno sudare non poco per salvarsi». 

In questo articolo
Squadre:
Allenatori:
Campionato:
Stagione:
2015/2016
Tags:
Sardegna
Girone G

Archivio articoli in evidenza