Salta al contenuto principale
Muravera
Il dg Aresu e il tecnico al lavoro per i rinforzi senior e fuoriquota

Il Muravera prepara la serie D: incarichi societari, conferma di Loi e del suo staff, quasi intatta l'ossatura della squadra trionfatrice in Eccellenza

Se c'è poco da fare vuol dire che tanto è già stato fatto. Questo è il caso del Muravera, tornato in serie D dopo due anni vincendo il campionato di Eccellenza con il record di gol segnati (107) e 21 risultati utili di fila che hanno fiaccato, alla lunga, le resistenze di Sorso e Nuorese. A oltre due mesi dall'ultima gara ufficiale, i passi fatti dai sarrabesi sono stati, finora, quelli giusti, a partire dall’assemblea dei soci che è servita a ridistribuire gli incarichi: Stefano Boi è ancora il presidente con Marco Nibbio vice e Franco Palleschi segretario, il quale giusto un anno fa, di questi tempi, riceveva il diploma di benemerenza e la spilla d'oro per la trentennale esperienza come dirigente della società sarrabese. Le novità, invece, riguardano l'incarico di Giampaolo Aresu, ex presidente dello storico successo in Eccellenza e del biennio in serie D, che assumerà il ruolo di direttore generale con l'occhio attento al mercato; Gianfausto Perra è il team manager dopo aver concluso il recente corso specialistico indetto dal Coni; Davide Di Fiore è il tesoriere; Filippo Melis è il responsabile marketing. 

 

Dopo aver ridisegnato l'assetto societario si è passati alla conferma (scontata) dell’intero staff tecnico: l’allenatore Francesco Loi, che ha centrato la promozione al primo colpo sulla panchina gialloblù, si avvarrà del suo decennale vice Antonio Carta, talmente in sintonia da essere un unico tecnico. Non mancherà il preparatore dei portieri Massimo Pisu, una garanzia dai tempi di Loi alla guida del Lanusei, così come il preparatore atletico Fulvio Usai, attento alla gestione fisica dei giocatori con caratteristiche ed età differenti. Un quartetto affiatato e difficilmente scomponibile anche in serie D diventato, con l'inizio dell'avventura a Muravera, un quintetto grazie all'apporto determinante del fisioterapista Marco Nibbio, da anni sapiente custode dei muscoli dei giocatori gialloblù. Lo staff potrebbe presto allargarsi con l'introduzione di un match analyst, una figura ritenuta indispensabile da mister Loi per il supporto sulle video analisi delle gare giocate dai sarrabesi e sugli avversari da affrontare nel turno successivo.

 

Finora pochissime sorprese. E così sarà sulla composizione della squadra che affronterà il difficile campionato di serie D perché si preannuncia un numero cospicuo di conferme dei protagonisti in Eccellenza che in carriera hanno già calcato i campi della quarta serie e non solo. Si ripartirà dal bomber d'Italia Giuseppe Meloni che, con 51 gol stagionali (42 in campionato e 9 in Coppa Italia), è stato il più prolifico attaccante dell'Eccellenza dello Stivale. Sarà carico e voglioso di confermare le sue doti di goleador in una categoria che l'ha visto spesso essere capocannoniere e vincitore del campionato. La sua spalla continua ad essere Sergio Nurchi, pronto ad accendere l'attacco con le sue accelerazioni. Rimane anche Marco Nieddu, supportato a 38 anni da una tecnica cristallina, intelligenza calcistica e capacità realizzativa intatta. Elemento aggiunto in attacco ci sarà anche Giorgio La Vista, 40 anni sulla carta d'identità ma corsa di un ragazzino e con una perfetta visione della porta visti i 10 gol in Eccellenza. A centrocampo ci sarà sempre il tuttofare Alessandro Cadau, che si è riconquistato sul campo la serie D persa con la Nuorese; il prezioso Stanislao Lepore, regista e interdittore dal rendimento costante; Andrea Satta sarà chiamato a fare bene in serie D così come fece da fuoriquota nel biennio dei gialloblù in D e in questa stagione una delle chiavi tattiche quando è stato spostato esterno basso. In difesa è imprescindibile l'apporto di Fabio Vignati, quasi 200 gare nei professionisti, a dargli manforte Salvatore Bruno, perfetto come centrale e con un'alta affidabilità anche a centrocampo. Non mancherà il portiere Maurizio Floris, la cui esperienza sarà messa a disposizione anche del nuovo collega fuoriquota dopo il rientro a Castiadas di Gabriele Mereu. Si sta inoltre procedendo alla valutazione del resto dell'organico che ha vinto in Eccellenza, uno su tutti il difensore Pablo Gutierrez, colonna dello spogliatoio e guerriero in campo. Sul fronte fuoriquota si riparte dalla nutrita batteria dei classe 2000: l'esterno di difesa Adama Coulibaly, gli interni di centrocampo Kalifa Kujabi e Lukas Mhamed, e l'esterno d'attacco Mattia Zinzula. Come 2001 ci sarà Mirko Zugliani visto all'opera anche nell'ultima gara dello scorso campionato contro il San Teodoro.

 

Le novità non saranno tante sul fronte senior ma ci saranno (almeno due) per completare i reparti di difesa e centrocampo. I maggiori volti nuovi saranno nel pacchetto dei fuoriquota e si pescherà sulle classi 2000, 2001 e 2002. In entrambi i casi stanno lavorando da giorni di concerto il dg Aresu e il tecnico Loi e la lista si arricchisce di prospetti interessanti per la serie D. Già concluse le trattative per gli arrivi dal Samassi degli esterni 2001 Matteo Vinci e Gioele Zedda e dall'Arbus del centrocampista del 2000 Lorenzo Atzori. Il Muravera ha l'obiettivo di confermarsi nella categoria e ha puntato molto sul gruppo che ha ottenuto la serie D, motivato in ogni suo elemento, con la convinzione che le rivoluzioni post-promozione portino più incognite che benefici. Il campo, come sempre, sarà poi il giudice inappellabile.

In questo articolo
Squadre:
Allenatori:
Campionato:
Stagione:
2018/2019