Salta al contenuto principale
Francesco Loi, allenatore, Muravera
«La condizione è brillante, corriamo tanto e bene»

Muravera, Loi allontana il traguardo: «Non abbiamo ancora vinto, se sbagli una gara riapri il discorso. Ci vuole esperienza, a Tonara niente calcoli»

Dalla sconfitta di Nuoro alla vittoria contro la Nuorese ci sono 16 risultati utili di fila, con 13 vittorie e 3 pareggi. Il Muravera è passata da inseguitrice a prima candidata al salto in serie D avendo 6 punti di vantaggio sul Sorso a 5 gare dalla fine. Il tecnico Francesco Loi tiene alta la concentrazione: «Mancano tante gare ancora e sono complicate e difficili, tre in trasferta in campi ostici. Abbiamo fatto un passo importante dal punto di vista della crescita del collettivo, siamo anche riusciti a riequilibrare la squadra migliorando la tenuta difensiva ma tenendo lo stesso potenziale offensivo».

Con 89 gol segnati è stato superato il precedente record della Nuorese che ne fece 86 nel 2004-05: «I numeri nel calcio sono tutto e i record sono importanti solo quando arriva il risultato prefissato. Il Muravera è stata costruito per fare molto bene, come altre, però segnare 89 gol è sinonimo di una buona qualità di gioco oltre che della forza delle individualità. Per far convivere tanti giocatori forti in attacco ci vuole molta esperienza e noi come staff siamo stati bravi in questo. Sia a Sorso che con la Nuorese ho visto una squadra con le idee molto chiare, avere una grande aggressività, maturità, concentrazione e cattiveria agonistica, il tutto condito da una grande qualità individuale».

Il tecnico spiega la svolta: «Il punto fondamentale è l'esser riusciti ad arrivare nelle ultime 5 giornate con una condizione brillante, corriamo tanto, bene e tutti. Bisogna essere soddisfatti del lavoro fatto finora, anche se non abbiamo ancora vinto niente siamo in una condizione psicologica importante. Dobbiamo essere bravi a non vanificare quanto fatto dalla sconfitta dall'andata con la Nuorese». 

Mercoledì la trasferta di Tonara: «Una gara più difficile di quella col Nuorese, perché siamo fuori casa e contro una squadra ricostruita completamente. Conoscendo mister Ivan Cirinà e il loro prof, la squadra giocherà un gran calcio e staranno bene fisicamente, sono partiti molto male altrimenti avremmo ritrovato il Tonara in classifica insieme con Guspini, Samassi, Arbus. Un pareggio? Serve poco ad entrambi, non siamo in condizioni di fare calcoli, 6 punti in 5 gare sembrano tanti ma se sbagli una gara poi riapri il discorso. Bisogna tenere alta l'attenzione, avere molta umiltà e sono sicuro che l'esperienza varrà tanto».

In questo articolo
Squadre:
Allenatori:
Campionato:
Stagione:
2018/2019
Tags:
29ª giornata