Salta al contenuto principale
Rosolino Puccica, Antonio Mesina, Castiadas
Il bomber a quota 17 gol, la supersfida si gioca a Muravera

Il Castiadas di Puccica non teme l'Avellino e gioca la carta del capocannoniere Mesina

Obiettivi diversi ma altrettanto importanti, rose tecnicamente diverse ma sul campo ogni gap può annullarsi. Il Sarrabus in fermento per la grande partita di domenica che vedrà il Castiadas opposto al blasonato Avellino. Per l'occasione si giocherà a Muravera, perché c'è la tribuna con ingresso separato che potrà accogliere i quasi cento tifosi irpini in trasferta e perché a "L'Annunziata" stanno iniziando i lavori di adeguamento dell'impianto che porteranno più avanti ad eliminare la restrizione dell'ingresso negli spalti a non più di 100 spettatori.

 

QUI AVELLINO. I favori del pronostico sono tutti per i campani di Giovanni Bucaro, tornati in corsa per il primo posto dopo aver inflitto la prima sconfitta casalinga al Lanusei, quattro giornate fa, un exploit cui hanno fatto seguito le due vittorie casalinghe di misura contro Flaminia  (1-0) e Monterosi (2-1) inframmezzate dal ko sul campo del Latte Dolce (1-0). Fuori casa il rendimento è discordante con 6 vittorie, 2 pareggi e 6 sconfitte, i precedenti in Sardegna sono contrastanti, due sconfitte al Vanni Sanna di Sassari, visto anche il 2-0 rimediato con la Torres a metà dicembre, e due vittorie perché oltre a quella del Lixius c'è il successo a Budoni per 1-4 nel recupero del 19 dicembre. L'Avellino è terzo in classifica con 57 punti insieme con il Trastevere, la vetta dista 7 lunghezze e cercherà di approfittare dello scontro diretto tra le prime due della classe con la vice-capolista Latte Dolce che ospita la leader Lanusei. Nel girone di ritorno comanda la classifica con 22 punti al pari del Lanusei. Mister Bucaro tiene alta la soglia d'attenzione dei suoi, giovedì ha infatti interrotto dopo pochi minuti il test in famiglia al Partenio con la Juniores lamentando dell’atteggiamento sbagliato della squadra non particolarmente concentrata. Il centrocampista Alessandro Di Paolantonio ha parlato chiaro nella conferenza stampa infrasettimanale sull’obiettivo che avrà la squadra da qui alla fine campionato: «Sicuramente vogliamo vincerle tutt'e 9 le gare, non possiamo più permetterci di sbagliare. Col Castiadas sarà una partita complicata in un campo più piccolo, ma dobbiamo andare a fare la partita e portare a casa i 3 punti. Il problema di adesso non è il modulo ma è come approcciamo le partite, dobbiamo partire forte e vincere. Poi chiaramente avremo le orecchie anche a Sassari ma solo a fine partita, noi dobbiamo vincere la nostra gara e poi vediamo».


QUI CASTIADAS. I neroverdi sono in piena zona playout con 29 punti dopo 29 giornate. Nelle prime 10 partite del girone di ritorno ha conquistato 14 punti, solo un punto in meno rispetto al bottino di tutta l'andata. Il Castiadas arriva dal pareggio di Anagni che ha portato a 4 i risultati utili di fila, nelle ultime tre uscite casalinghe ha sempre vinto, scontri diretti importantissimi contro Torres, Ladispoli e Anzio serviti a creare il solco dalla retrocessione diretta oramai distante 11 lunghezze e ad accorciare dalla salvezza diretta distante tre lunghezze. La squadra del patron Zaccheddu e del presidente Piu medita il colpaccio avendo recuperato da qualche settimana in difesa un elemento come Boi, inserito alla perfezione l'ultimo arrivato Perrotti (esterno classe '99) ed è tornato in gruppo anche Carrus. Ma, soprattutto, può contare sullo stato di grazia di Antonio Mesina, il bomber di Dorgali (nella foto con il tecnico Puccica) capace di agguantare Marcheggiani in vetta della classifica cannonieri con 17 reti (vedi qui) anche se sul campo ne ha segnato una in più, il gol al Trastevere revocato dal Giudice Sportivo con la squalifica a tavolino. Fiducioso il tecnico Rosolino Puccica: «Arriviamo bene a questa gara - ha dichiarato nell'intervento fatto a Radio Punto Nuovo - per noi tutte le gare sono importanti in chiave salvezza, quindi non possiamo metterci a guardare chi è l’avversario che abbiamo di fronte. Non abbiamo da qualche settimana Davide Carrus, ma contiamo sulla vena di Mesina che sta facendo un ottimo campionato e soprattutto sul collettivo, consapevoli di affrontare una squadra che ha individualità importanti».

In questo articolo
Squadre:
Giocatori:
Campionato:
Stagione:
2018/2019
Tags:
30ª giornata