Salta al contenuto principale
Palumbo ritrova il Tavolara: «Qui per Pitta, non ho mai giocato in Eccellenza»
Il bomber: «Faremo un campionato di vertice»

Palumbo ritrova il Tavolara: «Qui per Pitta, non ho mai giocato in Eccellenza»

Il Tavolara aggiunge un altro tassello importante alla sua già importante rosa. L'attaccante Vincenzo Palumbo firma coi biancoverdi e farà coppia con il capocannoniere della scorsa Eccellenza, Christian Ibba. Per il 37enne nato in Germania a Heilbronn ma residente a Palermo si tratta di un ritorno in biancoverde dopo le 6 reti in 15 partite di due stagioni fa in serie D. Il patron Pitta ha voluto con sé quel bomber dalla carriera importante, che ha debuttato in serie A con l'Empoli nel 1998 dopo due belle stagioni in C1 e B con il Fidelis Andria. Poi gioca nel Pescara e nel Palermo, facendosi notare spesso più fuori dal campo che in area di rigore, prima di conoscere la Sardegna per la prima volta nel 2003 vestendo la maglia della Torres. Giocherà per due stagioni e mezzo in C1 e, dopo la parentesi al Pisa, farà due ottime annate in C2 con l'Olbia (53 presenze 25 reti). Poi Tavolara, l'anno scorso con la Viterbese in serie D (5 gol in 24 gare) e ora di nuovo biancoverde.

 

Il rapporto con Pitta e una squadra forte - «Non ho mai giocato in Eccellenza - fa notare Palumbo - ma in Sardegna ho vissuto 5 anni della mia vita e sono stato troppo bene. Sono di Palermo, per noi isolani è difficile vivere lontani dal mare...». Richieste di mercato ne aveva fin troppe, il bomber ha scelto il Tavolara per un motivo ben preciso: «Sono arrivato qua perché conosco bene il presidente Pitta, abbiamo un rapporto schietto e d'intesa da molto tempo. Con lui ho trovato subito l'accordo». Non chiede tanto l'italo-tedesco: «Voglio passare un anno sereno a Olbia con la mia famiglia, dando meno peso all'aspetto economico». La squadra, seppur rinnovata, presenta degli elementi di sicura qualità: il portiere Mario Puddu, i difensori Gianmario Piscedda e Carlo Ceriani, i centrocampisti Giovanni Soro, Nicola Ruggieri e Marco Urgias, il trequartista Antonello Muzzoni oltre al già citato attaccante Christian Ibba. «Questa squadra mi piace - continua Palumbo - perché nonostante ci siano molti giovani vedo da parte loro tantissimo impegno e questo fa piacere, non sempre i ragazzini hanno questa voglia. Il futuro sono loro. Spero di fare un campionato al vertice, i primi risultati ci daranno un'impronta per capire cosa facciamo bene e cosa migliorare ma ancora è presto per giudicare». Il tecnico Tatti confida molto sull'apporto che darà Palumbo alla squadra. «Ho iniziato un po' in ritardo la preparazione atletica - dice l'attaccante - perché sono arrivato al Tavolara sabato, rincorro la mia forma migliore ma sono a buon punto».

In questo articolo
Squadre:
Giocatori:
Allenatori:
Campionato:
Stagione:
2011/2012
Tags:
Sardegna
Vincenzo Palumbo