Salta al contenuto principale
Ultima chiamata per l'Orione 96, Mura: «Quanta sfortuna con la Villacidrese, ora battiamo lo Stintino e saliremo col ripescaggio»
Il mister: «Noi 5 palle gol e Pisano insuperabile»

Ultima chiamata per l'Orione 96, Mura: «Quanta sfortuna con la Villacidrese, ora battiamo lo Stintino e saliremo col ripescaggio»

Doveva vincere il campionato e, al suo posto, ci è riuscito il Quartu 2000, doveva vincere lo spareggio tra seconde ma è andato alla Villacidrese che domenica scorsa ha festeggiato il salto di categoria. L'Orione 96 vive la delusione per un pronostico non ancora rispettato e ora prova a giocarsi l'ultima chance a disposizione per salire in Promozione. Domenica contro lo Stintino - che ha perso l'altro spareggio con la Tharros - dovrà vincere ma non potrà ancora stappare la bottiglia di spumante perché la sfida sul campo neutro di Arborea servirà solo per conquistare la prima posizione nella graduatoria ripescaggi. Nel caso in cui il Castiadas, impegnato nei playoff nazionali di Eccellenza, dovesse ottenere la promozione in serie D allora liberebbe il posto al Tonara (1° in graduatoria per la Promozoione) che, a sua volta, permetterà ai selargini o ai sassaresi di ottenere il ripescaggio.

 

Giuseppe Mura vuole portare l'Orione 96 in PromozioneIl tecnico dell'Orione 96 Giuseppe Mura, chiamato a 9 gare dal termine del campionato al posto del dimissionario Paolo Puddu, prova a trovare gli elementi positivi per l'imminente gara contro lo Stintino: «Purtroppo è toccato a noi proseguire un'altra settimana, ci stiamo ripreparando per quest'altro spareggio che, se vinto, ci consentirà di arrivare primi nella Coppa Prima Categoria che determina la graduatoria nei ripescaggi. Che molto probabilmente ci saranno anche se questo si vedrà, speriamo, già a metà giugno». Al tecnico che tre stagioni fa ha portato il Serramanna in Eccellenza brucia ancora la gara di playoff di domenica scorsa contro la Villacidrese persa 2-1 nei supplementari dopo essersi trovato in vantaggio di un gol e di un uomo: «Abbiamo preso una autorete sfortunata e da lì i ragazzi hanno avuto la mazzata sotto l'aspetto psicologico. Anche se avevamo l'uomo in più, di fronte c'era una Villacidrese ben messa in campo, però più passava il tempo e più noi giocavamo con attacchi non troppo ordinati». Mura ribatte su un aspetto che non ha permesso all'Orione di festeggiare la promozione: «Siamo stati troppo sfortunati, nel calcio ci sta ma abbiamo avuto 5 palle gol nette e se ha vinto la Villacidrese è soprattutto per merito del loro portiere Pisano che ha parato tutto». Il tecnico dei selargini riavvole il nastro della gara di Samassi: «Nel momento in cui stavamo costruendo delle palle-gol nitide c'è sempre stato il loro portiere che ci ha impedito di segnare. Meritavamo sicuramente di fare il 2-0 e anche di ritornare in vantaggio, se fossimo passati sul 2-1 sicuramente avremmo vinto la gara e saremmo ora in Promozione». Nei supplementari anche l'intervento in scivolata del terzino Cocco che ha messo fuori causa il portiere Cinus. «La stanchezza e l'autorete hanno determinato un risultato negativo per noi. Noi potevamo fare anche gol su autorete ma la palla è finita sul palo, il calcio è anche una questione di centimetri, a loro è andata bene e a noi male. I ragazzi ce l'hanno messa tutta e non posso rimproverargli nulla, sono partite che si giocano col cuore, è andata bene alla Villacidrese, complimenti a loro. Noi ora proveremo a rifarci con lo Stintino».

In questo articolo
Allenatori:
Campionato:
Stagione:
2014/2015

Archivio articoli in evidenza