Salta al contenuto principale
Da giovani promesse ad affidabili certezze, i "bad boys" di Paolo Busanca protagonisti in giro per l'isola
Da giovani promesse ad affidabili certezze, i "bad boys" di Paolo Busanca protagonisti in giro per l'isola

Road to tdr: i vice-campioni d'italia juniores 2014 oggi

Rampa di lancio, trampolino per i palcoscenici più importanti. Questo è il Torneo delle Regioni. La possibilità, per i giovani di tutta Italia, di vivere una settimana da professionisti. Con l'aspirazione di sfruttare al meglio la vetrina sportiva e soprattutto di godersi un'occasione di crescita personale. A meno di due mesi dalla prossima edizione, che si terrà in Abruzzo dal 24 al 31 marzo, le rappresentative sarde lavorano a ritmi serrati per provare a ripercorrere l'impresa della selezione Juniores nel 2014. Un sogno. Ma anche un obiettivo. I ragazzi, classe '95-'96, videro la loro favola spegnersi sul più bello nell'atto finale del Tdr svoltosi in Friuli. L'1-0 per mano del Lazio non ha però cancellato il lavoro sensazionale fatto da un gruppo composto per buona parte da chi oggi è protagonista nei vari campionati regionali. A partire dal tecnico cagliaritano Paolo Busanca. Laddove non bastasse il curriculum decennale, continuano a parlare i numeri. Oggi alla guida del Samassi (portato da egli stesso in Eccellenza), dopo un avvio stentato ha definitivamente cambiato marcia candidandosi con prepotenza tra le pretendenti per un posto nei play-off.

Nello stesso campionato, sono tanti i giovani che ricoprono ruoli fondamentali nelle proprie squadre. La Ferrini, da 5 anni a questa parte, gode dell'apporto di Gianluca Podda e Lorenzo Giuliani (entrambi classe '96). Il bomber di Elmas ha già raggiunto la doppia cifra negli ultimi due campionati e quest'anno non sembra voler essere da meno, con già 9 marcature all'attivo; l'esterno polivalente, che si divide tra calcio e hockey (in serie A1 con la pluriscudettata Amsicora) è reduce da un infortunio alla caviglia ma scalpita per riprendersi il posto sulla fascia rossoblù. La ex-capolista Stintino non può prescindere dalla presenza di Marco Carboni e Tony Gianni. Carboni, classe '96, (gemello di Paolo in forza all'Olmedo anche lui giocatore di spicco di quella selezione) si sta rivelando una pedina fondamentale nello scacchiere della quarta forza del campionato. Due le marcature all'attivo, molte più sono le occasioni in cui l'ex Latte Dolce ha ricoperto il ruolo dell'assistman da seconda punta che, nel 4-2-3-1 di mister Udassi, sembra fatto apposta per lui. Gianni (1995) è il prototipo del centrocampista moderno: corsa, grinta e geometrie lo rendono un giocatore completo a 360°, che farebbe le fortune di gran parte delle squadre del massimo torneo regionale. Sabato (in anticipo) si incroceranno in una sfida ad alta quota con Alessio Fadda, capitano della rassegna friulana. Con i Carboni ha condiviso l'esperienza al Fertilia (sempre in Eccellenza), da due anni è una colonna portante della retroguardia dell'Atletico Uri di Cirinà prima e Salaris poi secondo in classifica alle spalle del Castiadas mattatore. Nella loro corsa inarrestabile verso la serie D spunta il nome di Luca Orrù, simbolo della squadra condotta da Sebastiano Pinna. Il centrale difensivo del '95 è oramai da anni al servizio dei biancoverdi, con i quali ha potuto anche­ assaporare il semi-professionismo. Così come il quasi coetaneo Alessandro Aramu ('96), suo compagno di squadra e reparto la passata stagione. In Serie D con le maglie di Selargius e Lanusei, oggi rincorre la salvezza in Eccellenza con l'Orrolese. Nel recupero di mercoledì 31 febbraio ha sgambettato a domicilio la Ferrini di Podda e Giuliani, giocando tutti i 90 minuti. Altri nomi: il centravanti William Amorati, dopo la prima parte di stagione al Guspini Terralba, è sceso di categoria ritornando al Siliqua. La punta Mauro Farris gioca al Senorbì, in 1ª categoria. L'ultima domenica si è rubato la scena, siglando un poker nel 6-0 contro il Domusnovas Junior Santos. Da giovani promesse ad affidabili certezze. Tutti accomunati da un'esperienza che porteranno con sè per tutta la vita. Con la speranza che, a breve, altri prospetti possano prima emulare la loro cavalcata e poi affermarsi in tal modo nel panorama calcistico isolano. Qui l'elenco dei ragazzi che parteciparono a quell'avventura

In questo articolo
Allenatori:
Campionato:
Argomenti:
Stagione:
2017/2018

Archivio articoli in evidenza